Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 4 aprile 2013

Antarte

Antarte

Olio su Tela

Genere: Post-rock, Ambient

Anno: 2013

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

Antarte è un interessante progetto con base ad Agrigento e che è frutto dell’unione artistica di  Lillo Morreale (voce, chitarra), Paolo Vita (chitarra) e  Gabriele Castelli (batteria). Olio su Tela è il loro album di debutto autoprodotto che vede il contributo di altri musicisti: Laura Ferlisi (backing vocals), Raffaele Pullara (mandolino, violino), Gerlando Callea (contrabbasso), Simone Pletto (fisarmonica) e Calogero Contino (tromba).

Hanno strutturato il loro progetto su un campo difficile ovvero il post-rock, il campo più minato per iniziare la carriera e farsi notare. Ma l’apertura stilistica con cui si sono approcciati alla composizione è stata ripagata da buoni risultati: infatti la loro musica è fatta di maschere che assumono alle volte le sembianze di un etereo ambient, altre volte quello di un rock più ruvido e insidioso sino ad una apprezzabile ricerca della complessità che unisce le due forme musicali. E’ un album quasi del tutto strumentale e sono pochi i brani che danno spazio alle parole, spesso essenziali ma che lasciano intravedere una buona capacità di scrittura.

E così si passa dalla leggiadria del primo brano “La notte della lucciole” e la melodia di “Controluce” al rumorismo decadente, la consistenza e gli sbalzi d’umore di “Cenere”. Il minimalismo della prima parte di “Oceano” e la successiva evoluzione dimostrano come il gruppo sappia dare flusso all’arrangiamento con subliminali sfilacciamenti della struttura o di interventi più invasivi come quello della tromba. “Settembre” è un brano che si può assimilare a questo, in quanto in modo diverso cerca di deviare la linearità della composizione.

Diecimila Parsec” l’espressione della doppia anima della band con una prima parte malinconica ma quieta e una seconda parte più irruenta e consistente che verrà domata solo nel finale. “Camera Oscura”, invece, porta quell’inquietudine appena accennata nei brani già ascoltati e non a caso l’atmosfera è più rarefatta e il suono più tirato. Un mood che si ripropone anche nella glacialità di “Nord-ovest”. 

La forza del disco sta nella capacità di essere melodico senza essere stucchevole, di essere tenebroso senza drammatizzazione; ma è soprattutto la dinamicità degli arrangiamenti e la ricerca di soluzioni elaborate e diversificate a rendere questo debutto molto promettente.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · La Notte dell lucciole
  • 2 · Cenere
  • 3 · Oceano
  • 4 · Diecimila Parsec
  • 5 · Camera oscura
  • 6 · Settembre
  • 7 · Nord-Ovest
  • 8 · Controluce

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi