Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 16 settembre 2012

Paal

Pan & Me

Paal

Genere: Ambient, Neoclassical

Anno: 2014

Casa Discografica: Denovali Records

Servizio di:

Se seguite la scena sper­i­men­tale con­tem­po­ranea, con­ver­rete con me che fra i dis­chi di mag­giore ril­e­vanza ed inter­esse che sono usciti in questi anni ci sono quelli del col­let­tivo dark-jazz francese Dale Cooper Quar­tet. Uno dei suoi com­po­nenti — Cristophe Mevel — si las­cia alle spalle la com­po­nente jazz per man­tenere quella dark.

Con lo pseudon­imo Pan & Me, Cristophe si lan­cia in ter­ri­tori misti di elet­tron­ica e neo­clas­sica, che si incas­trano con atmos­fere oscure che spesso sfo­ciano in strut­ture ambi­ent. Le 6 com­po­sizioni sono state reg­is­trate fra Makushin Bay e Kashega Bay, su di una barca e, non a caso, sono molti i rifer­i­menti al mare — sopratutto nei titoli — tali da far risultare Paal un con­cept album su di esso; il tutto pen­sato come colonna sonora di un film immaginario.

Il disco esce per l’etichetta indipen­dente Den­o­vali, che da anni pro­pone le più impor­tanti novità in generi come l’ambi­entjazzdark-jazzdroneelec­tron­icadoom e musica sper­i­men­tale in genere. In poche parole un sinon­imo di qual­ità che vanta artisti quali KodiakThisqui­etarmyHer Name Is Calla e i più noti Kil­i­man­jaro Dark­jazz Ensem­ble. Inoltre ogni anno (agli inizi di otto­bre) questa casa discografica orga­nizza un inter­es­san­tis­simo fes­ti­val di musica sperimentale.

L’apertura del disco con “The Light­house And Two Lights” è qual­cosa di dev­as­tante: una viola mal­in­con­ica si infrange su di un’elettronica scric­chi­olante e su i field record­ings che por­tano un ansi­mante respiro (a volte il rumore del mare, altre il vento). Nella sec­onda parte del brano scende un velo di oscu­rità: sparisce la viola per far posto ad un min­i­male rumorismo, inqui­etante e dis­tur­bante. “Unalaska” vede l’introduzione di un pianoforte dis­con­tinuo, infram­mez­zato da synth sub­lim­i­nali, il cui risul­tato è una melo­dia ripet­i­tiva che rap­p­re­senta per­fet­ta­mente uno stato di osses­sione. “The Ever­last­ing Fog” è il pezzo più sper­i­men­tale dell’album: prevale la manipo­lazione e l’elettronica nella sua forma più weird, a cui si aggiun­gono il piano ed una bat­te­ria, che nel finale si intrec­ciano in un loop che lenta­mente sfo­cia in un gelido silen­zio. “Bush Leaf Dream­ing” è un flusso rumoris­tico dove tutto viene “suonato” in maniera min­i­male e sof­fo­cata tale da dare quella strut­turaambi­ent di cui abbi­amo par­lato ad inizio recen­sione: il brano è estrema­mente angos­ciante e con­tur­bante, e risulta la vetta dell’intero album.

In “53° 18′ N 167° 52′ W”  tor­nano pro­tag­o­nisti la viola e il rumore del mare, ma siamo leg­ger­mente dis­tanti dai ter­ri­tori della trac­cia iniziale: inizio tam­ponato con una voce fem­minile fil­trata da una rice­trasmit­tente; un down­tempo che lenta­mente prende corpo gra­zie alla bat­te­ria accom­pa­g­nata da tagli elet­tron­ici e di viola; nel finale arriva l’apparente qui­ete e lo spazio è tutto per i field record­ingcon leg­geri e impercettibili synth a ren­dere l’atmosfera un fardello. Lieto fine con “The Clear­ing”, nella quale l’atmosfera è più rilas­sata ed eterea: è il rag­gio di sole dopo 5 brani che riflet­te­vano uno stato d’animo poco sereno.

Un album notev­ole che destrut­tura le forme clas­siche dei generi con cui si mette a con­fronto; di ele­vato impatto emo­tivo, riesce nell’intento di fun­gere da colonna sonora, di un film immag­i­nario, nella mente dell’autore, con tanto di sceneg­giatura e regia impeccabili.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · The Light­house And Two Lights
  • 2 · Unalaska
  • 3 · The Ever­last­ing Fog
  • 4 · Bush Leaf Dreaming
  • 5 · 53° 18′ N 167° 52′ W
  • 6 · The Clear­ing

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi