Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 1 aprile 2015

picciotto piazza connection cover

Picciotto

Piazza Connection

Genere: Hip-Hop, Alternative

Anno: 2015

Casa Discografica: Mandibola records

Servizio di:

L’arte del racconto nella musica è un pregio raro. Se metà del lavoro riguarda la scelte delle parole, l’altra metà concerne il linguaggio musicale che si sceglie e come lo si sviluppa. La scelta dell’hip-hop può essere una strada a doppio taglio, considerate le banalità che ci offre la sovraesposizione contemporanea, ma c’è chi con un deciso taglio trasversale riesce a dare senso a questa metodologia di comunicazione.

Picciotto (ex-Gente Strana Posse) ci riesce molto bene con il suo album di debutto solista Piazza Connection che risulta una visione vivida della contemporaneità, un punta di vista personale del disagio personale che confluisce in quello collettivo. Numerose le collaborazioni: Ain’t Deaf Enough, producer palermitano di scuola berlinese col quale il progetto è cominciato e che ha prodotto buona parte dei beats; poi Luca “Satomi” Rinaudo (che ha curato registrazione e arrangiamento, oltre a produrre suoni e beats nell’album), Gheesa, Dj D. e N’Hash, Ice One e l’americano Dj Malatesta. Tra i vari featuring citiamo anche O’Zulù dei 99 Posse, Murubutu, Drowning Dog, e i 4 PA All Bastardz (Ciaka, Jamba, Tunaman, Mad Buddy).

Come anticipato prima, la scrittura dell’artista palermitano (che raggiunge le vette con la leggerezza “apparente di “Sole”  e la denuncia sociale di “La mia Casa“) si incrocia con trame sonore non statiche e che sono state sviluppato in un’ottica di contaminazione. Ritroviamo il taglio spigoloso di “Kali-fogna” e il ritmo volutamente invasivo di “Fantarap“; poi c’è l’atmosfera ruvida di “Malavoglia“, fra i brani più interessanti del lavoro, l’insistenza e le brillanti ripartenze di “Niente Paura“, la distorsione “contenuta” di “Confessioni“, il raffinato incedere di “Il Senso” e il taglio “da club” di “Police Mafia” con un arrangiamento molto elegante. “Via Con Me” chiude con un mood quasi noturno e una malinconia speranzosa (Via Destinazione Utopia/su queste strade alla ricerca di nuova poesia/Via Senza sapere nè dove nè perchè/Vieni via, via con me/Via da qui verso dove non so ma accelero).

Un debutto solista convincente che fa emergere subito il lavoro elaborato che c’è stato a tutti i livelli dalla scrittura alla produzione che ha permesso al cantautore e rapper siciliano di distinguersi egregiamente.

Voto: 6,8/10

Tracklist:

  • 1 · Piazza Connection
  • 2 · Malavoglia (feat Ciaka)
  • 3 · Sole
  • 4 · Confessioni
  • 5 · Nel Tempo (feat Mad Buddy)
  • 6 · La Mia Casa (feat O'Zulù)
  • 7 · Il Senso
  • 8 · Sogno Brigante (feat Murubutu)
  • 9 · Kali-fogna
  • 10 · Police Mafia (feat Drowning Dog)
  • 11 · Per Chi
  • 12 · Nè Arti Nè Party (feat Jamba & Tunaman)
  • 13 · Breaking Rap
  • 14 · Niente Paura
  • 15 · Fantarap
  • 16 · Via Con Me

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi