Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 24 luglio 2013

Madame Blague

Madame Blague

Pit-A-Pat

Anno: 2013

Casa Discografica: DreaminGorilla Records

Servizio di:

I Lettori più fedeli conosceranno bene il nome dei Madame Blague, di cui abbiamo parlato più volte (in occasione dello streaming e del video). Un’interessante band ligure formata nel 2009 e che comprende Andrea Carattino (percussionista di conservatorio), Emmanuele Venturino (bassista e cantante) e i due chitarristi/cantanti Edoardo Chiesa e Andrea Greco.

Pit-A-Pat  è l’album di debutto ed è uscito per la DreaminGorilla Records. E’ un disco che sicuramente pecca di originalità, nel senso che fa un uso evidente dei riferimenti, ma come ben sapete non è l’unico elemento di cui teniamo conto. La cosa più apprezzabile del gruppo è che attraverso le dieci composizioni, cercano di imporre un proprio stile personale ridistribuendo i fili della trama ed esplorando generi contigui seppur differenti.

L’inizio con “Join Us” rivela subito la dualità del sound e i retaggi post-grunge. Ci sono momenti in cui non c’è smussamento e i ritmi sono sostenuti come “The Circus Never Stops” (tra i migliori brani dell’album) e altri invece in cui l’impatto è controllato e ben misurato (“Sweet Colors“, “Realitink“).

I tratti pop della loro musica emergono in brani come “Escaped Whisper“, caratterizzata da una ricercata e sottile progressione, e “Tell Me”, il pezzo meno interessante del disco. Al contrario, “Afraid to Forget You” è un pezzo notevole che rivela un livello di intimità che fino a questo punto del disco non era stata espressa. La stessa cosa si ripete nell’intensa e tesa “The Story of How I Lost My Face” (brano che si colora di nuove contaminazioni).  E anche la successiva “Before” e anche “Under a Varazze Sun” meritano una particolare lode per la sdrammatizzazione del sound che viene fatta all’interno dell’apparato melodico.

I Madame Blague, sapientemente, hanno voluto sfruttare le diverse forze che dominano la composizione interna del disco; il risultato è un disco coeso ma non fermo e che riesce a sfruttare a dovere le diverse attitudini: dal lato più ruvido fino a quello più melodico che racchiude anche una vena cantautorale. Diverse stratificazioni del suono, supportate da una buona tecnica, che potrebbero portare a ulteriori evoluzioni o verso una determinata canalizzazione dello stesso. Ed è proprio questa la forza di questo esordio.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · Join Us
  • 2 · The Circus Never Stops
  • 3 · Escaped Whisper
  • 4 · Tell Me
  • 5 · A Sweet Colors
  • 6 · Afraid to forget you
  • 7 · Before
  • 8 · The Story of How I Lost My Face
  • 9 · Realitink
  • 10 · Under a Varazze Sun

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi