Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 27 dicembre 2012

The Blank

The Blank

Plastic Dreams

Genere: Pst-Dubstep, Ambient

Anno: 2012

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

Ci avviciniamo alla fine dell’anno e possiamo affermare, senza troppo stupore, che anche quest’annola maggior parte delle cose più originali interessanti sono venute dal versante elettronica. Nonostante un’elevata inflazione del cosiddetto Future Sound, l’intuitodi alcuni producer ha portato a farci ascoltare molte cose interessanti.

Fra questi c’è The Blank, pseudonimo dell’australiano Henry Ashcroft che nel novembre scorso ha portato alla luce il suo terzo ep intitolato Plastic Dreams. Tre lavori incentrati sul concept del sogno. L’ultimo mette in evidenza tutte le capacità dell’artista australiano di dare concretezza e significato al suono: vengono piegate le strutture dubstep a favore di architetture ambient e incursioni pseudo-folk nei pezzi non strumentali. Un sound elegante e cucito senza imperfezioni.

Si comincia con “Dawn” che ci introduce subito al contrasto fra i ritmi; “Leona” è invece un incursione a 360 gradi nel calderone dubstep. “Stars” ci porta verso un minimalismo portato all’esasperazione con una vocalità accennata e soffocata. Le trame folk emergono nella prima parte della sublime “Falling“. Queste si ripresenteranno nell’atmosfera rarefatta di “Plastic“, uno dei brani più interessanti dell’album, con le incursioni rumosristiche a fare da decoro. 

Si prosegue con i tempi dilatati di “Flight Interlude” con un suono più ruvido, mentre “Home” e “Dusk” hanno un’atmosfera più eterea conseguenza della delicata voce, l’elettronica delicata e le intromissioni acustiche. “Moving On” è la perla del disco con l’intervento della stupenda voce di Steffaloo. 

The Blank riesce a disegnare e costruire  perfettamente il concetto del sogno senza retorica o banalità ma con un suono curatissimo fino all’ultimo beat. Raffinatezza, equilibrio fra depressione del sound e accelerazioni, dosati interventi vocali, saggezza compositiva: siamo di fronte a un producer con un grande futuro. 

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Dawn
  • 2 · Leona
  • 3 · Stars
  • 4 · Falling
  • 5 · Flight Interlude
  • 6 · Plastic
  • 7 · Home
  • 8 · Moving on (ft. Steffaloo)
  • 9 · Dusk

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi