Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Focus - New Music | Pubblicato il 18 aprile 2015

Vi fanno pulsare le tempie quei rifferama sbavati e sporchi d’old school? Andate in brodo di giuggiole per l’Hard Rock bombato e fradicio di watt? Magari vi eccitate per le forme sinuose e canaglia dei distorsori a manetta? Allora Zapp – official dei folignati Mosquitoes – è quello che fa al vostro caso, cinque tracce percorse da high voltage e fortissimi calori vintage che se – anche senza minimamente portare qualcosa alla causa della contemporaneità elettrica – vi porteranno il sangue in ebollizione.

Hard rock mainstream fuliggini bluesy, gain a palla e immaginarie cavalcate in sella a Harley Davidson fiammanti sono i “benemeriti accessori” per un disco che carbura e attraversa gli anni 70,s come un fulmine, una carica positiva in 4/4 travolgente, libera di scorrazzare selvaggia e “tatuata” sulle sue onde d’asfalto.

Svisi libidinosi in “Bobby the beggars”, “Legal slavery”, shuffle blues in “Three blacks”,  ballate benedette da Bruce Dickinson come “Breath” e due gocce di Mississippi rock-blues in “Red magic” sono la forma e la sostanza estetica per un quintetto che le suona a tanti.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi