Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Focus - New Music | Pubblicato il 10 gennaio 2013

El-Matador-Alegre

El Matador Alegre

El Matador Alegre

Genere: Folk, Indietronica, Slowcore

Anno: 2012

Casa Discografica: Cabezon Records

Servizio di:

El Matador Alegre è un interessante cantautore e anche produttore discografico. Non abbiamo molte informazioni biografico sul suo conto ma il suo omonimo album di debutto pone al centro il cantautorato e il folk come scelta stilistica per poi decentrarlo e contaminarlo con diligenza e un’attenzione al dettaglio.

Interviene l’elettronica e la distensione dei ritmi, ma non mancano (soprattutto nella seconda parte del disco) momenti più corposi nei quali la distorsione si fa strada. L’unico difetto dell’album è la lunghezza dell’album, non per il numero di tracce ma perchè alcune di queste soffrono di una ridondanza che si propone soprattutto nella prima parte del disco.

Si inizia con la fragile melodia e il loop sonoro di “Same day Last Year“, mentre “Moths” fa risaltare la natura acustica della sua musica e si caratterizza anche per un’interpretazione vocale più solenne sostenuta da un impeccabile back vocal. Le prime piccole distorsioni fanno il loro ingresso in “Lemongrass”  ma è l’armonia a prevalere. “July” ci porta un passo avanti con un’elettronica più incisiva ma comunque dosata.

Con “New Year” si spezza il ciclo della melodia con un suono più robusto, irregolare e vibrante. Ma è con l’ennesima distensione delle ritmiche che si ha uno dei migliori brani dell’album ovvero “Back”: un brano dall’elevato impatto emotivo e che ben miscela l’anima melodica, con quella “rumoristica” e un pizzico di minimalismo.  Altrettanto incantevole è la bellezza pop di “Peanut Butter”. Di assoluto interesse è anche la consistenza dei synth di “Undercover” e “One Day Left“  che potrebbe rappresentare una prospettiva da sviluppare per lavori futuri.

Un lavoro abbastanza convincente che vede come suo punto di forza la graduale costruzione del suono, le evoluzioni, le piccole sfumature e la capacità di dosare ogni nota.

Tracklist:

  • 1 · Same day last year
  • 2 · Moths
  • 3 · Lemongrass
  • 4 · July
  • 5 · New year
  • 6 · You are the sea I'm in
  • 7 · Back
  • 8 · Long gone friend
  • 9 · Peanut butter
  • 10 · Undercover
  • 11 · Sunny attic
  • 12 · One day left

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi