Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 30 marzo 2015

youarehere-propaganda-cover

YOUAREHERE

Propaganda

Genere: techno ambient

Anno: 2015

Casa Discografica: Bomba Dischi

Servizio di:

Gli YOUAREHERE costruiscono monumenti all’elettronica. La loro stessa musica è monumentale e la loro idea di musica è vicina al significato di Propaganda come “attività di disseminazione di idee e informazioni con lo scopo di indurre a specifici atteggiamenti e azioni”.  La band romana, attiva dal 2011 e composta da Andrea Di Carlo, Patrizio Piastra, Claudio Del Proposto, con il lavoro appena uscito per Bomba Dischi in effetti dissemina informazioni e idee su un tema centrale: l’amore per l’elettronica come incontro tra uomo e macchina, tra emozioni e ingranaggi. In questo senso Propaganda è benedetto dall’alto dai Kraftwerk (che apprezzeranno, senza muovere ciglio, l’uso caldo dei sintetizzatori), ispirato dal sogno a base di droni dei Boards Of Canada e abbracciato con calore dai Telefon Tel Aviv (che ameranno l’afflato pop e la ricerca di melodie toccanti).

Anche il concept grafico di Stefano Gentile, artista milanese conosciuto alla White Noise Gallery di Roma, richiama il concetto di propaganda: lo stile sovietico evoca monumentalità, inossidabilità, certezza. E nella loro propaganda la certezza è che l’elettronica o si ama, o si ama.

Ancora più che nel precedente As When The Fall Leaves Trees, più votato a sonorità ambient, le influenze citate si intrecciano fino a formare trame sonore di impatto, a volte stentoreo a volte leggero. I monumenti musicali più attraenti sono quelli in cui la solennità dei synth si sovrappone a linee di basso corpose e drumming profondo. In tal senso colpiscono “Gagarin” e il suo sovrapporsi di voci, bassi, beat spezzati, l’incedere techno di “Lacuna” e la sua circolarità in vena di contaminazioni dubstep, la marziale e oscura “Incipit”, la techno ballabile di “White on White”, l’essenzialità della teutonica “Propaganda”.

Anche se gli episodi più ambientali sono meno coinvolgenti, Propaganda è un bel disco, suonato con passione e competenza, da ascoltare in cuffia a volume sostenuto. La Propaganda è iniziata, aderite numerosi.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Bulb
  • 2 · Gagarin
  • 3 · Lacuna
  • 4 · Incipit
  • 5 · Dynamo
  • 6 · Pulsar
  • 7 · Greather Things 8.White On White
  • 8 · White On White
  • 9 · You Were Born Before Years
  • 10 · Propaganda
  • 11 · Shojna

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi