Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 aprile 2015

Post-rock

Group of the Altos

R U Person Or Not

Genere: Post-Alt-rock, Sperimentale

Anno: 2015

Casa Discografica: Mini50 Records

Servizio di:

Group of the Altos è un colletivo di dodici componenti proveniente da Milwaukee. Tra i membri c’è anche Daniel Spack dei Volcano Choir. R U Person or Not è il nuovo album che è uscito per la mini50 Records a fine febbraio.

La numerosità non crea confusione ma conduce la loro musica verso un puro lavoro di ricerca. Le tracce mettono in evidenza due aspetti: le strutture post-rock (in versione “classica” in “News From Who”)associate a tentativi (riusciti) di ridisegnare il genere con diverse tipologie di contaminazione (anche hip-hop in “Fuck With us”) e con la distorsioni in primo piano (sino ad arrivare a tonalità black metal che si possono udire in parte in “On Wreck“).

Learning to Share” fa da apripista  a questo concetto di intendere la musica: un suono granitico e graffiante che si scontra con la grazia vocale (Want to learn need to learn, How to share again). “To: Savior” dilata ai massimi livelli questo effetto con un risultato che porta verso una forma ibrida e primitiva di blues. “Guns” è uno dei brani che porta alla luce il lavoro di sperimentazione: le sovrapposizioni vocali, i cambi di passo fluidi, gli accenni di tromba all’inizio e quelli di violino nel finale.

Tra i brani più suggestivi del disco c’è “Coplights“, una forma di ballata alternativa con un minimalismo strumentale (che prenderà sostanza nel finale) che eleva l’incrocio vocale (the longer the road/burned all the bridges – now we know why /the less we know why /there’s not far to go/sometimes we fell – sometimes we fight /sometimes we fight/no one gets old/the good ones are gone, the best ones are paralyzed /the best ones are paralyzed). La “violenza” strutturata di “Rules of Forgiveness” chiude un disco che ha messo in evidenza i vari talenti dei Group of the Altos: la buona scrittura, lo sviluppo di una suono dalla forte personalità. la capacità di adattamento dello stesso sound e il collocamento in altri ambiti. Un pensare fuori dagli schemi con risultati lodevoli. 

Voto: 7,3/10

Tracklist:

  • 1 · Learning to Share
  • 2 · To: Savior
  • 3 · News from Wino
  • 4 · Guns
  • 5 · Fuck With Us
  • 6 · On Wreck
  • 7 · Coplights
  • 8 · Forgiveness Rules

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi