Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 11 gennaio 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

fabrizio_de_andre_live-586x378

Fabrizio Cristiano De André (Genova, 18 febbraio 1940 – Milano, 11 gennaio 1999). Il folgorante incontro con la musica avvenne con l’ascolto di Brassens, del quale De André tradurrà alcune canzoni, inserendole nei primi album. La passione, poi, aveva preso corpo anche grazie alla “scoperta” del jazz e all’assidua frequentazione degli amici Tenco, Bindi, Paoli, del pianista Mario De Sanctis ed altri, con cui iniziò a suonare la chitarra e a cantare nel locale “La borsa di Arlecchino”. Nell’ottobre del 1961 la Karim pubblica il suo primo 45 giri, con copertina standard forata (la ristampa del 1971 della Roman Record avrà invece una copertina con un disegno anonimo). Il disco contiene due brani, Nuvole barocche ed E fu la notte. L’album del debutto è Tutto Fabrizio De André (1966, ristampato due anni dopo con il titolo di La canzone di Marinella sotto un’altra etichetta e con una diversa copertina), una raccolta di alcune delle canzoni che sino ad allora erano state edite solo in 45 giri, seguita da Volume I (1967), Tutti morimmo a stento (1968), Volume III (1968), Nuvole barocche (1969); quest’ultimo è la raccolta dei 45 giri del periodo Karim esclusi da Tutto Fabrizio De André.

Miniplaylist:
Cantico di un drogato – Fabrizio De Andrè (Tutti morimmo a stento, 1968)
Nella mia ora di libertà – Fabrizio De Andrè (Storia di un impiegato, 1973)
Sidun – Fabrizio De Andrè (Crueza de Ma, 1984)
Dolcenera – Fabrizio De Andrè (Anime Salve, 1996)

Tony Kaye, vero nome Anthony John Selvidge (Leicester, 11 gennaio 1946), è un musicista britannico ed è stato il primo tastierista del gruppo progressive Yes. Negli anni sessanta suonò con i Johnny Taylor’s Star Combo e incise qualche singolo con i gruppi rock The Federals e Jimmy Winston & His Reflections (noti anche come “Winston’s Fumbs and Bittersweet”). Nel 1968 Kaye fu invitato dal bassista Chris Squire a entrare in un gruppo chiamato Yes, insieme a Jon Anderson (voce), Peter Banks (chitarra) e Bill Bruford (batteria). Questa formazione incise i due album Yes (1969) e Time and a Word (1970). Nel 1971, con Steve Howe che aveva sostituito Banks alla chitarra, gli Yes incisero il loro primo grande successo, The Yes Album. Il brano di apertura, Yours Is No Disgrace (rimasta poi un classico del repertorio Yes) fu la prima ad annoverare Kaye fra i compositori. Dopo un ultimo concerto al Crystal Palace, a Kaye fu chiesto di lasciare il gruppo. Fra i supposti motivi di questo licenziamento sono stati citati qualche litigio con Anderson (con cui Kaye condivideva la stanza in tour) e qualche disputa con Howe circa gli assoli dei nuovi brani. Quando fu licenziato, Kaye aveva già iniziato a provare alcuni dei brani che sarebbero apparsi sul successivo album degli Yes, Fragile. Fu Kaye a comporre le tastiere di Heart of the Sunrise, poi suonate dal suo sostituto Rick Wakeman. Ascolta: Then – Yes (Time and a Word, 1970)

Tom Meighan (Leicester, 11 gennaio 1981) è un cantante inglese della band dei Kasabian, della quale è stato uno dei fondatori.  Ascolta: Reason is Treason – Kasabian (Kasabian, 2004)

Mary  Hansen (Maryborough, 11 gennaio 1966 – Londra, 9 dicembre 2002) è stata una cantante, chitarrista e batterista australiana, componente degli Stereolab. Ascolta:
Three Longers Later – Stereolab

Spencer Dryden (New York, 7 aprile 1938 – 11 gennaio 2005) è stato un batterista statunitense che ebbe la sua maggiore fama con il gruppo Jefferson Airplane che abbandonò nel 1970. Ha fatto parte anche del gruppo New Riders of the Purple Sage. Ascolta: In Time  – Jefferson Airplane

Clarence Clemons (Norfolk, 11 gennaio 1942 – Palm Beach, 18 giugno 2011) è stato un sassofonista statunitense. Clarence Clemons, detto Big Man noto per essere il sax tenore della E Street Band collaboratore di Bruce Springsteen e uno dei membri fondatori della band. Ha pubblicato anchealcuni album da solista. Ascolta: Sax in The City – Calrence Clemons

Terry Williams (Swansea, 11 gennaio 1948) è un batterista britannico di musica rock, attivo a partire dagli anni sessanta; ha lavorato con artisti di grande fama e livello, quali Paul McCartney, B.B. King, Bob Dylan e Dire Straits.. In particolare, fece parte della celebre band guidata da Mark Knopfler per pochi anni (dal 1982 al 1989), ma si trattò del periodo più intenso, segnato dalla pubblicazione dell’album Brothers in Arms, dal successivo tour mondiale e dalla partecipazione al Live Aid.

Jack Dangers, all’anagrafe John Corrigan (Swindon, 11 gennaio 1965), è un musicista britannico, attivo nel campo della musica elettronica. È anche DJ, produttore e remixer ed è noto soprattutto come membro di spicco del Meat Beat Manifesto. È noto anche con gli pseudonimi Space Children e Loop Finder General. Ascolta: 3:00 – Jack Dangers

Mary Jane Blige (New York, 11 gennaio 1971). La sua carriera musicale cominciò con la cover di Caught Up in the Rapture di Anita Baker, registrata con una macchina per karaoke nel 1989. Il nastro giunse alla “Uptown Records”, che le fece firmare un contratto come corista. Il giovane produttore Sean Combs (a quel tempo conosciuto come Puff Daddy) si interessò a lei, e la aiutò nella realizzazione del suo primo album What’s the 411?, uscito nel 1992. Ascolta: Slow Down – Mary J Blige

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi