Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 19 marzo 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia  della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

Brant+Bjork

Brant Bjork (Palm Desert, 19 marzo 1973) è un musicista e produttore discografico statunitense. Alla fine degli anni ottanta, ancora adolescente, si unisce come batterista ai Kyuss con i quali inciderà i primi quattro album: Sons of Kyuss (1990), Wretch (1991), Blues for the Red Sun (1992) e Welcome to Sky Valley (1994) prima di lasciare il posto ad Alfredo Hernandez. Nel 1997 si unisce ai Fu Manchu con i quali suonerà, sempre come batterista, fino al 2002.  Dopo una discontinua collaborazione con gli amici Mondo Generator decide di iniziare un proprio progetto solista pubblicando gli album Jalamanta (1999), Brant Bjork & the Operators (2002), Keep Your Cool (2003) e Local Angel (2004) – gli ultimi tre dei quali sulla propria etichetta, la Duna Records. 

Miniplaylist:

King – Kyuss (Sons of Kyuss, 1990)
Freedom Run – Kyuss (Blues for the red sun, 1992)
Toot – Brant Bjork (Jalamanta, 1999)

Keith Ellis (Matlock (Derbyshire), 19 marzo 1946 – Darmstadt, 12 dicembre 1978) è stato un bassista britannico. Noto per aver fatto parte dei seguenti gruppi: The Koobas, The Misunderstood, Juicy Lucy e i Van der Graaf Generator. Lavorò, inoltre, con la band di Mike Patto e Ollie Halsall, i Boxer, dal 1975 al 1978. Morì nel 1978, durante una tournée in Germania come musicista d’appoggio degli Iron Butterfly. Dopo la sua morte, Peter Hammill (cantante dei Van der Graaf Generator) gli dedicò una canzone, Not for Keith, inclusa nell’album del cantante, pH7.  Ascolta: Running Back – Van Der Graaf Generator

Paul Kossoff (Hampstead, 14 settembre 1950 – Stati Uniti, 19 marzo 1976) è stato un chitarrista inglese, noto per esser stato membro fondatore e musicista dei Free. Lo stile di Paul Kossoff è di chiara matrice blues dotato di grande feeling ed espressività: i soli principalmente sviluppati sulla scala pentatonica minore e maggiore con un ampio uso del bending e del vibrato. Ascolta: Wild Indian Woman – Free

Randall William Rhoads (Santa Monica, 6 dicembre 1956 – Leesburg, 19 marzo 1982) è stato un chitarrista e compositore statunitense. Meglio conosciuto come Randy Rhoads, da sempre considerato un virtuoso della chitarra, è stato uno dei più celebri ed influenti chitarristi heavy metal degli anni ottanta e generalmente della storia del rock. È noto per aver suonato dapprima con i Quiet Riot e successivamente con la band di Ozzy Osbourne, ma per essere stato anche un assiduo e devoto studioso delle tecniche classiche di uso della chitarra e per aver combinato all’interno della sua musica elementi della musica classica e del jazz.  Ascolta: Ravers – Quie Riot

Andrew Patrick Wood (Columbus, 8 gennaio 1966 – Seattle, 19 marzo 1990) è stato un cantante statunitense. Entra a far parte della sua prima band all’età di quattordici anni: i Malfunkshun, assieme al fratello Kevin Wood e all’amico Regan Hagar (in seguito batterista dei Satchel e dei Brad).Nel 1988 Wood lascia i Malfunkshun e inizia a provare insieme a due ex membri dei Green River: Stone Gossard e Jeff Ament. Inizia così il progetto Mother Love Bone, che porterà la band al successo due anni dopo grazie al disco di debutto Apple, nel 1990. Durante la lavorazione dell’album Wood inizia a manifestare una tossicodipendenza da oppiacei. La situazione degenera molto in fretta, tanto che alcuni mesi prima dell’uscita nei negozi del disco, il 16 marzo 1990, il cantante venne trovato in coma da overdose dalla fidanzata, che lo trasporta in ospedale. Viene sottoposto a terapia intensiva, ma muore dopo tre giorni. I Mother Love Bone si sciolgono poco dopo. Ascolta: Holy Roller – Mother Love Bone

Karen Dalton (vero nome Karen J. Cariker) (Enid, 19 luglio 1937 – New York, 19 marzo 1993) è stata una cantante, chitarrista e suonatrice di banjo statunitense. Legata alla scena del Greenwich Village dei primi anni sessanta, ebbe tra i suoi maggiori estimatori e collaboratori Fred Neil, gli Holy Modal Rounders e Bob Dylan. Ascolta: Katie Kruel – Karen Dalton

Gianluigi Di Franco (Capri, 1953 – Napoli, 19 marzo 2005) è stato un musicista e medico italiano. Come cantante e flautista dei Cervello, incide nel 1973 Melos, partecipando al terzo Festival d’Avanguardia della Musica e Nuove Tendenze, ma poi il gruppo si scioglie. Nel 1983 compone per Tony Esposito Kalimba de luna, con i quali vince nel 1984 Un disco per l’estate, successo seguito l’anno successivo da una seconda vittoria con As to as. Nel 1985 compone anche Radio Africa per Tullio De Piscopo e nel 1988 pubblica per la Dischi Ricordi il suo unico album solista. Laureato in medicina con specializzazione in psichiatria, fonda a Napoli il primo Centro di ricerche di Musicoterapia. Ascolta: Trittico – Cervello

Dillon “Curley” (Curly) Russell (New York, 19 marzo 1920 – New York, 3 luglio 1986) è stato un contrabbassista statunitense jazz. Russel fu un sideman molto richiesto nel periodo bebop (fece tra l’altro parte di uno del quintetto di Charlie Parker) per la sua tecnica che gli consentiva di affrontare agevolmente i tempi veloci tipici del genere. Pur senza diventare mai un leader o un solista, Russell suonò con tutti i musicisti chiave del periodo bebop, comparendo in moltissime importanti registrazione. Ascolta: Wee Dot – Art Blakey Quintet

Leonard Joseph Tristano (Chicago, 19 marzo 1919 – New York, 18 novembre 1978) è stato un pianista e compositore statunitense. Il pianista italo-americano oggi è leggenda, soprattutto per le sue apparizioni che erano del tutto occasionali anche quando godeva di buona salute. L’assenza dal mondo del jazz come protesta e disappunto per la recente produzione in nome di quella dei grandi musicisti di un tempo quali: Charlie Parker, Lester Young, Earl Hines, Roy Eldridge, Charlie Christian. Fu uno dei maggiori esponenti del Cool jazz. Il suo trio con il chitarrista Billy Bauer e il contrabbassista Arnold Fishkin mostrò a tutti la sua originalità concettuale fondata su lunghe linee melodiche, intervalli inconsueti e sequenze di accordi suonati da entrambe le mani.  Ascolta: Turkish Mambo – Lennie Tristano

Vincenzo Restuccia, detto Enzo (Napoli, 19 marzo 1941) è un batterista italiano. Dopo il diploma in percussioni conseguito presso il Conservatorio dell’Aquila, si trasferisce a Roma; Restuccia inizia presto l’attività di session man per la RCA Italiana, lavorando spesso con Ennio Morricone sia nella realizzazione di alcuni 45 giri (ad esempio per Paul Anka) che di colonne sonore (Il buono, il brutto, il cattivo). Sposa la violista Anna Giordano, e nel 1969 diventa papà di Marina, che in seguito diventerà cantante con il nome d’arte di Marina Rei. Nel corso degli anni suona in molti dischi entrati nella storia della nostra musica leggera, con nomi quali Sergio Endrigo, Fabrizio De André, Angelo Branduardi, Claudio Baglioni. Collabora spesso con Nicola Piovani, negli album che il musicista registra come arrangiatore agli studi Ortophonic di Roma, situati in piazza Euclide (ora si chiamano studi Music Village; il tecnico del suono è Sergio Marcotulli, padre della pianista jazz Rita). Parallelamente porta avanti anche una carriera di batterista jazz, suonando nel quintetto di Marcello Rosa e nella Marcello Rosa Trad Band, e suonando tra gli altri con Dizzy Gillespie, Benny Goodman, Paco De Lucia. Ascolta: L’estasi dell’oro  – Ennio Morricone

Tom McRae (Chelmsford, 19 marzo 1969) è un cantautore britannico. Studia a Londra alla facoltà di Politics And Government, dove comincia a formare i primi gruppi. Nel 2000 viene scelto da Scott Walker per suonare al prestigioso Meltdown Festival, alla Royal Festival Hall[3] e nello stesso anno esce il suo primo disco, Tom McRae.  Ascolta: Your Cut Her Eye – Tom McRae

Barbara Morgenstern (Hagen, 19 marzo 1971) è una musicista e cantante tedesca. Dal 1992 al 1994 Barbara Morgenstern vive ad Amburgo, dedicandosi contemporaneamente sia ai propri progetti musicali sia all’attività di cantante in un gruppo a cappella. Prende parte ad un corso di musica pop di sei settimane presso l’Hamburg Hochschule. Nel 1994 si trasferisce a Berlino, dove inizialmente suona la tastiera in una band, e dal 1996 in poi si concentra sulla propria musica. A inizio 1997 pubblica Enter The Party. Più tardi nello stesso anno pubblica l’EP Plastikreport, che produce in collaborazione con Michael Mühlhaus. Nel 1999 viene pubblicato un EP remixato, Fan No.1. Al suo album del 2000 Fjorden, Barbara Morgenstern lavora con Stefan Betke (Pole) e Robert Lippok dei To Rococo Rot. Ascolta: Gammelpop – Barbara Morgenstern & Robert Lippok

Brann Dailor (Rochester (New York), 19 marzo 1975) è un batterista statunitense, co-fondatore e batterista della band heavy metal Mastodon. Ascolta: Burning Man – Mastodon

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi