Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 2 febbraio 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia  della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

vicious

John Simon Ritchie, meglio noto come Sid Vicious (Londra, 10 maggio 1957 – New York, 2 febbraio 1979), è stato un bassista e cantante britannico, membro della band punk rock dei Sex Pistols.Fino al 1977 la sua carriera musicale si limitò ad una serata come batterista dei Siouxsie and The Banshees, ma in quello stesso anno, in corrispondenza con l’uscita di Glen Matlock dai Sex Pistols, Vicious venne fatto entrare nella band dall’amico John Lydon. Vicious all’epoca non sapeva suonare il basso, ma Lydon confidava che avrebbe imparato.Morì nel 1979 per overdose.

Mini – playlist:
Submission – Sex Pistols (Never Mind the Bollocks, here’s the sex pistols,1977)
Liar – Sex Pistols (Never mind the Bollocks, he’re the sex pistols,1977)
My Way – Sid Vicious

Graham William Nash (Blackpool, 2 febbraio 1942), è un cantautore, compositore e fotografo inglese naturalizzato statunitense.Alla fine degli anni sessanta è uno membri principali del gruppo pop-rock The Hollies, all’epoca fra i più conosciuti del panorama musicale inglese. Nonostante fosse l’autore di gran parte dei brani della band, raramente ne fu anche cantante. Nel 1968, dopo un viaggio negli USA, iniziò in compagnia di David Crosby un’esperienza con le droghe. Successivamente lasciò gli Hollies per formare con Crosby e Stills un nuovo gruppo che inizialmente fu un trio e successivamente, con l’apporto di Neil Young, si trasformò nel quartetto CSN&Y. Ascolta: Carry on – Crosby, Stills, Nash & Young (Deja vu, 1970)

Mel Lewis, nome d’arte di Melvin Sokoloff (Buffalo, 10 maggio 1929 – New York, 2 febbraio 1990), è stato un batterista jazz statunitense di origine russa. Inizia a suonare la batteria all’età di tre anni, e a 15 inizia la sua carriera professionale (anche se già si esibiva all’età di 13 anni). Lavorerà intensamente con le big band (e anche con l’orchestra di Stan Kenton). Nel 1957 si trasferisce a Los Angeles dove inizia a studiare più approfonditamente la tecnica batteristica e a collaborare con le big band di Gerald Wilson e Terry Gibbs. Si trasferisce nuovamente nel 1960, questa volta a New York dove inizia a suonare con Gerry Mulligan e l’anno dopo parte in Europa per suonare in due tournée prima con Dizzy Gillespie e poi con Benny Goodman. Nel 1965 fonda la sua big band, insieme con Thad Jones, con la quale suonerà regolarmente fino alla sua morte. Ascolta: Once Around – Mel Lewis & Thad Jones

Eric Von Schmidt (Westport, 28 maggio 1931 – Fairfield, 2 febbraio 2007) è stato un musicista e pittore statunitense associato al revival folk degli anni sessanta ed una delle figure chiave della scena folk della costa est con Bob Dylan e Joan Baez. Ascolta: Champagne Don’t Hurt Me, Baby -  Eric Von Schmidt

Edward “Sonny” Stitt (Boston, 2 febbraio 1924 – 22 luglio 1982) è stato un sassofonista statunitense (contralto e tenore) di musica jazz. Forse uno degli artisti più legati allo stile bebop di cui fu uno degli aderenti della prima ora, fu anche uno tra i più prolifici, incidendo più di 100 album nel corso della sua carriera, collaborando con gran parte dei protagonisti del jazz moderno. Il critico Dan Morgenstern lo aveva soprannominato “Lupo Solitario” per il suo essere continuamente in tour e per la sua devozione al jazz. Ascolta: Just Friends – Sonny Stitt

Stan Getz (Filadelfia, 2 febbraio 1927 – Malibu, 6 giugno 1991) è stato un sassofonista statunitense di musica jazz: il suo sassofono tenore ha brillato particolarmente nel fortunato periodo del cool jazz. Nel 1947 si trovò nel complesso di Tommy De Carlo con altri tre tenorsassofonisti, Jimmy Giuffre, Herbie Steward e Zoot Sims. I quattro vennero notati da Ralph Burns, arrangiatore di Woody Herman, e scritturati in blocco per la costituzione della seconda grande orchestra del musicista di Milwaukee. Serge Chaloff, sax baritono, entrò nel gruppo per la defezione di Giuffre. Getz in quegli anni rappresentò la voce solista del gruppo di Herman. Il suo ruolo viene immortalato nella travolgente Four Brothers, nome del brano, ma anche nomignolo dei quattro sassofonisti creatori del Four Brothers Sound. Ascolta: Autumn Leaves -  Stan getz

Mario Achilli (Roma, 2 febbraio 1949) è un musicista e batterista italiano. Nel 1966 inizia a suonare con il gruppo progressive veliterno dei Crash nei vari locali dell’epoca (Piper Club e Titan di Roma, Piper e il Parco delle Rose di Milano, Space Elettronic e la Siesta di Firenze). Nel 1969 si diploma all’Istituto d’Arte di Velletri e per due anni frequenta la facoltà di scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma. Negli anni ’70 partecipa ai grandi raduni musicali della capitale, con il Banco del Mutuo Soccorso (Caracalla) e con i Crash (Villa Borghese e Villa Pamphili e al raduno hippy di Bel Passo ai piedi dell’Etna). Nel 1975 incide con l’etichetta It e la RCA il singolo coi Crash e inizia a collaborare in studio con vari artisti (Lucio Dalla, Severino Gazzelloni, Teresa De Sio, Claudio Lolli, Ron, Ernesto Bassignano, Gaio Chiocchio, ecc). Dal 1976 al 1978 è in tour con Rino Gaetano. Ascolta: Look into the future – Mario Achilli

Ross Lamont Valory (San Francisco, California, 2 febbraio 1949) è un bassista statunitense. membro dei Journey. Insieme a Neal Schon, è l’unico membro originale del gruppo ancora attivo con la band. Fatta eccezione per il periodo durante la registrazione dell’album Raised on Radio (e relativo tour) nel 1986, Ross ha suonato su tutti gli album dei Journey. Ascolta: Involuntary Bliss – ALphonso Johnson

Alphonso Johnson (Filadelfia, 2 febbraio 1951) è un bassista statunitense. Durante gli anni sessanta, quando non era che un adolescente, dopo una breve esperienza con il trombone, inizia a suonare il basso elettrico e si iscrive alla Philadelphia Music Academy, dove segue i corsi di John Lamb, bassista della Duke Ellington Orchestra. Come lui stesso precisa, la sua attività professionale inizia nel 1968, quando non aveva che diciassette anni: le prime esperienze di una certa importanza iniziano all’età di ventun anni, quando partecipa ad un tour mondiale con la Woody Herman Orchestra. Militò nei Weather Report durò circa due anni, nei quali la band pubblicò gli album Mysterious Traveler, Tale Spinnin e Black Market. In quest’ultimo Johnson condivise il ruolo di bassista con Jaco Pastorius, che ne prese definitivamente il posto quando il primo lasciò gli Weather per seguire differenti progetti. Ascolta: Involuntary Bliss – Alphonso Johnson

Joel Bruyere (2 febbraio 1978) è un bassista statunitense, membro dei Thousand Foot Krutch, di cui è membro dal 1999. Ascolta: Lift It – Thousand Foot Krutch

Nina Zilli, pseudonimo di Maria Chiara Fraschetta (Piacenza, 2 febbraio 1980 è una cantautrice italiana. Comincia con  collaborazioni con artisti e gruppi della scena rocksteady/reggae, quali gli Africa Unite (Bomboclaat Crazy) e i Franziska, con cui intraprende un tour europeo. Nel 2009 con il nome d’arte, che combina il nome della sua cantante preferita, Nina Simone, con il cognome della madre, firma il contratto con la Universal e pubblica il suo primo EP omonimo: Nina Zilli. Ascolta: Penelope – Nina Zilli

Robert Emile DeLeo
(2 febbraio 1966, Montclair, New Jersey)è il bassista dei  Stone Temple Pilots. Ha anche suonato nei Talk Show e Army of Anyone. Ascolta: Big Empty – Stone Temple Pilots

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi