Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 2 giugno 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

Rino-Gaetano

Rino Gaetano, pseudonimo di Salvatore Antonio Gaetano (Crotone, 29 ottobre 1950 – Roma, 2 giugno 1981). Giovanissimo, insieme a un gruppo di amici crea il quartetto dei Krunx composto da Giuseppe Lazzarotti basso, Nicola Giordano chitarra ritmica, Carlo Tatta batteria: Rino cantava, suonava la chitarra solista e componeva le prime canzoni. Dopo le prime esibizioni al Folkstudio, viene scoperto da Vincenzo Micocci, e il debutto discografico avviene nel 1973: con lo pseudonimo di Kammamuri’s, pubblica per la It il 45 giri I Love You Marianna (sul lato B Jaqueline).

Miniplaylist:

Tu, forse, non essenzialmente tu – Rino Gaetano (Ingresso Libero, 1974)
La zappa, il tridente, il rastrello (…) – Rino Gaetano (Mio fratello è figlio unico, 1976)
Escluso il cane – Rino Gaetano (Aida, 1977)

Charlie Watts, all’anagrafe Charles Robert Watts (Londra, 2 giugno 1941), è un batterista britannico, componente dei Rolling Stones; è anche leader di una jazz band. Charlie Watts è stato l’ultimo tra i componenti originari dei Rolling Stones ad unirsi alla band. Inizialmente bazzicava nell’ambiente blues della Londra dei primi anni sessanta sotto l’ala protettiva di Alexis Korner, in quella autentica fucina di talenti che fu la Blues Incorporated. Fu solo nel gennaio del 1963 che egli si unì in pianta stabile alla band di Jagger, Richards, Wyman e Jones. Negli anni 80 fu in tourneè con una big band, che annoverava tra i suoi membri Jack Bruce e Evan Parker. Nel 1993 fonda il Charlie Watts Quintet, mentre nel 2004 è la volta del Charlie Watts Tentet.

Miniplaylist:

Live with me – Rolling Stones (Let it bleed, 1969)
Dead Flowers – Rolling Stones (Sticky Fingers, 1971)

Think – Rolling Stones (Aftermath, 1966)

Lydia Lunch, nata Lydia Koch (Rochester, 2 giugno 1959), è una cantante, poetessa e scrittrice statunitense. Dopo essere divenuta amica dei Suicide, entrò a far parte dei Teenage Jesus & the Jerks, nel 1976. Con lei entrò anche il suo partner artistico, James Chance. In seguito Lunch apparve in un album di Chance: Off White (accreditato a James White and the Blacks; Lunch usò lo pseudonimo “Stella Rico”) del 1978. Queen of Siam del 1979 fu il suo primo album solista.

Miniplaylist:

The Closet – Teenage Jesus & the Jerks (Pre Teenage Jesus & the Jerks, 1979)
Blood of Tin – Lydia Lunch (Queen of Siam, 1979)
Lydia Lunch – I Love how You.. (Smoke in the Shadows, 2004)

Stiv Bators, nato Steven John Bator (Youngstown, 22 ottobre 1949 – Parigi, 2 giugno 1990), è stato un cantante e chitarrista statunitense. È meglio noto per essere stato il leader dei The Dead Boys e The Lords of the New Church. Nel corso della sua carriera, Bators militò in diverse band, inclusi i Rocket From The Tombs, Frankenstein, The Wanderers e The Whores of Babylon (con Dee Dee Ramone e Johnny Thunders). Egli registrò anche un album solista per la Bomp! Records. Divenuto noto per essere il vocalist dei Dead Boys, Bators contribuì allo sviluppo delle sonorità punk rock, come del look e dell’attitude. Bators è infatti una delle figure chiave del punk rock delle origini statunitense. I Dead Boys divennero tra le punk rock band più importanti degli anni settanta, e come molte altre punk band, anch’essi fecero strada nel leggendario locale CBGB’s, di New York. Ascolta: Holy war – The Lords of the New Church (The Lords of the New Church, 1982)

Elias Bates McDaniel, noto come Bo Diddley, (McComb, 30 dicembre 1928 – Archer, Florida, 2 giugno 2008), è stato un cantante, chitarrista e autore rock and roll statunitense. È stato soprannominato “The Originator of Rock And Roll” oltre ad essere il re del rock and roll insieme a Chuck Berry per il suo ruolo chiave nella transizione dal blues al rock’n roll, e per aver influenzato, fra gli altri, artisti come Buddy Holly, Eric Clapton, Jimi Hendrix, The Doors e The Rolling Stones. È noto anche per la sua particolare chitarra a forma rettangolare. Ascolta:
I’m a Man – Bo Diddley

Othar Turner “Otha” (Madison County, 2 giugno 1907 – 26 febbraio 2003) è stato un musicista blues statunitense, conosciuto per essere uno dei principali suonatori di fiffaro e interprete della cosiddetta tradizione blues fife and drums. Ascolta: Station Blues – Othar Turner

Anthony Patrick Hadley, noto come Tony Hadley (Londra, 2 giugno 1960), è un cantante britannico e frontman degli Spandau Ballet. La band, formatasi nel 1979, si sciolse dopo dieci anni esatti, e dopo la pubblicazione dell’ultimo album di studio, intitolato Heart Like a Sky. Dopo lo scioglimento , Tony continuò la carriera musicale come solista. Dopo aver firmato con la EMI, il cantante pubblicò il suo primo album, intitolato The State of Play, nel 1992. Ascolta: Reformation – Spandau Ballet

Dez Paul Cadena, noto più semplicemente come Dez Cadena (Newark, 2 giugno 1961), è un cantante e chitarrista statunitense, celebre per essere stato componente dei gruppi punk Black Flag e Misfits. Ascolta: Gimmie Gimmie Gimmie – Black Flag

Paolo Bruni, in arte “Pau” (Zara, 2 giugno 1967), è un cantante, paroliere e musicista italiano, frontman e voce dei Negrita. Insieme al chitarrista Cesare Petricich diede vita alla band Inudibili, dalle cui ceneri nacquero poi i Negrita stessi. Il debutto avvenne nel 1994 con un album omonimo. Collabora con i Rezophonic ed è uno dei fondatori del progetto “DJ Set Zona Bastarda”. Ascolta: Transalcolico – Negrita

Fabrizio Moretti (Rio de Janeiro, 2 giugno 1980) è un batterista brasiliano. E’  il batterista degli Strokes. A 13 anni, Moretti incontra, nella Dwight School di New York, Julian Casablancas, Nikolai Fraiture, Nick Valensi ed Albert Hammond Jr., i futuri componenti della band. Ascolta:  Alone, together – Strokes

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi