Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 4 ottobre 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

janis_joplin

Janis Lyn Joplin (Port Arthur, 19 gennaio 1943 – Los Angeles, 4 ottobre 1970) è stata una cantante statunitense. Divenne nota verso la fine degli anni sessanta come cantante del gruppo Big Brother and the Holding Company, e successivamente per i suoi lavori da solista. La sua carriera continuò fino alla morte per overdose all’età di 27 anni.

Miniplaylist:

One Good Man - Janis Joplin   (I Got Dem Ol’ Kozmic Blues Again, Mama!, 1969)
Turtle Blues – Big Brother and The Holding Company (Cheap Trills, 1968)
Get it while you can - Janis Joplin (Pearl, 1971)

Richard Reed Parry (4 ottobre 1977) è un multistrumentista canadese e mebro degli Arcade Fire. E’ anche membro dei Bell Orchestre, del quale è anche produttore. 

Miniplaylist:

Neighbourhood 2 (Laika) – Arcade Fire – (Funeral, 2004)
Ocean of Noise – Arcade Fire – (Neon Bible, 2007) 

Sprawl I – Arcade 
Fire(The Suburbs, 2010)

Art Farmer (all’anagrafe: Arthur Stewart Farmer) (Council Bluffs, Iowa, 21 agosto 1928 – New York, 4 ottobre 1999) è stato un trombettista statunitense.  Nel 1953 suona nella big band di Lionel Hampton, nella quale figurano anche Quincy Jones e Gigi Gryce. Con quest’ultimo forma un quintetto che registrerà alcuni dischi; suona poi con Coleman Hawkins, Thelonious Monk, Charles Mingus, Art Blakey/Horace Silver’s Jazz Messengers e dal 1958 nel Quartetto di Gerry Mulligan.

Chris Lowe (il suo nome completo è Christopher Sean Lowe (Blackpool, 4 ottobre 1959) ) è un tastierista britannico. Insieme a Neil Tennant fa parte dei Pet Shop Boys. Please (1986) è stato il primo lavoro in studio. Ascolta:Left to my own Devices – Pet Shop Boys

Natalino Otto, nome d’arte di Natale Codognotto (Cogoleto, 25 dicembre 1912 –Milano, 4 ottobre 1969), è stato un cantante e produttore discografico italiano, iniziatore del genere swing in Italia. Ascolta: Solo me ne voi per la città - Natalino Otto

Steve Swallow (Fair Lawn, 4 ottobre 1940) è un bassista, contrabbassista e compositore statunitense, noto per le sue collaborazioni con Jimmy Giuffre, Gary Burton e Carla Bley. Swallow è conosciuto inoltre per essere stato uno dei primi contrabbassisti jazz a passare al basso elettrico. Ascolta: FleureCarnivore – Steve Swallow & Carla Bley

Jim Fielder (Denton, 4 ottobre 1947) è un bassista statunitense, famoso per aver fatto parte dei Blood, Sweat & Tears. Fielder ha frequentato la Loara High School di Anaheim (California). Stringe amicizia con Tim Buckley e Larry Beckett, cosa che lo porterà dentro l’industria della musica: infatti prima di entrare nei BS&T ha lavorato con Buckley e in varie band tra cui The Mothers of Invention e Buffalo Springfield. Ascolta: And when I die – Blood, Sweat & tears

Duke Robillard, nome d’arte di Michael John Robillard (Woonsocket, 4 ottobre 1948), è un musicista statunitense di genere blues. Dopo aver suonato in varie band ed aver lavorato con la Guild Guitar Company, ha fondato il gruppo Roomful of Blues insieme al pianista Al Copley nel 1967.E’ stato anche membro dei The Fabulous Thunderbirds di cui faceva parte anche Kim Wilson, prendendo il posto di Jimmie Vaughan alla chitarra. Ascolta: ThisDream – Duke RObillard

Valerio Vigliar (Roma, 4 ottobre 1976) è un musicista e compositore italiano. Dopo qualche anno passato ad interessarsi di musica elettronica e fonia, incontra il direttore d’orchestra Emilio Rabaglino (allievo di Vincenzo Scaramuzza). Dal 2002 entra a far parte della compagnia teatrale T.D.A. (Teatro Delle Apparizioni) che si occupa di teatro sensoriale. Nel 2004-5 insieme al poeta Michael Reynolds fonda la band Liù, esperimento tra song e spoken words, jazz rock e trip-hop con cui farà concerti al limite con la performance e di cui uscirà un disco l’anno successivo. Ascolta: Ho fame – Valerio Vigliar

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi