Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 2 marzo 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia  della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

Lou Reed

Lewis Allan Reed (Brooklyn, 2 marzo 1942 – 27 ottobre 2013) è stato un chitarrista e cantautore statunitense. Il suo primo gruppo prende il nome di The Shades. Ma la storia l’ha fatta con la fondazione dei Velvet Underground, gruppo che presto diventerà un cult del panorama musicale newyorkese. Lou Reed li creò nel 1966 insieme a John Cale, polistrumentista, figura chiave insieme a Lou del gruppo. Ai due si aggiunsero infine il chitarrista e bassista Sterling Morrison e la batterista Maureen Tucker (la formazione originale vedeva Angus MacLise alla batteria). Lou Reed, che è autore della maggior parte delle canzoni dei Velvet Underground, entra a far parte insieme al gruppo della factory di Andy Warhol, promotore e finanziatore del primo album del gruppo. Gli anni settanta cominciano male per Reed che, reduce dalla rottura con i Velvet Underground, pubblica un LP d’esordio omonimo poco esaltante. Ma David Bowie, che in quel momento è sotto la RCA, decide di aiutare uno dei suoi più grandi ispiratori producendogli il secondo album, Transformer.  Per il suo terzo lavoro, Proprio mentre si sta separando da sua moglie, pubblica un concept album che analizza il fallimento di un matrimonio: Berlin. Per la produzione viene assunto Bob Ezrin, che diventerà famoso per la produzione di The Wall dei Pink Floyd. Seguirono una quindicina di dischi concentrati soprattutto fra gli anni ’70 e ’80.

MiniPlaylist:

Run, Run, Run – The Velvet Underground (The Velvet underground & Nico, 1967 )
I heard Call My name – The Velvet Underground (White Light/White Heat, 1967)
Goodnight Ladies – Lou Reed (Transformer, 1972)
The Bed – Lou Reed (Berlin, 1973 )

 

Christopher “Chris” Anthony John Martin (Exeter, 2 marzo 1977) è un cantante, chitarrista e pianista britannico, leader dei Coldplay. I Coldplay raggiunsero la fama mondiale con il loro singolo Yellow, contenuto nel loro album di debutto Parachutes (2000). Il brano diventò presto una hit e nel luglio 2000 arrivò a piazzarsi alla quarta posizione della classfica dei singoli britannica.[3] Il loro secondo album A Rush of Blood to the Head (2002) segna la loro consacrazione e consente alla band di acquisire notorietà in tutto il mondo.

Miniplaylist:

Spies – Coldplay (Parachutes, 2000)
Politik – Coldplay (A Rush of Blood to the Head, 2002)

 

Serge Gainsbourg, all’anagrafe Lucien Ginsburg (Parigi, 2 aprile 1928 – Parigi, 2 marzo 1991), è stato un cantautore, musicista, paroliere, poeta, pittore e regista francese che ebbe successo internazionale a partire dalla seconda metà degli anni sessanta. Le sue prime canzoni risentono dell’influenza di Boris Vian, ma Gainsbourg ben presto ha cominciato a perseguire un’idea di rinnovamento rispetto agli schemi della tradizionale chanson e a esplorare nuovi orizzonti, influenzato in particolare dal pop britannico e americano. Durante la sua carriera ha scritto la colonna sonora di più di 40 film. La sua influenza ha segnato profondamente la musica francese, attingendo a vari ambiti musicali e contribuendo a renderne alcuni popolari in Francia. Ascolta: L’hotel Pariculier – Serge Gainsbourg (Histoire de Melody Nelson, 1971)

Rory Gallagher (Ballyshannon, 2 marzo 1948 – Londra, 14 giugno 1995) è stato un chitarrista e cantante irlandese. Inizia a suonare la chitarra all’età di 9 anni ispirato da grandi musicisti come Muddy Waters, Leadbelly e Woody Guthrie. Nella seconda metà degli anni sessanta Rory si trasferisce a Londra. Qui dà vita ai Taste, con il bassista Eric Kitteringham e il batterista Norman Damery, entrambi provenienti dagli Axels, con i quali inciderà materiale che apparirà solo successivamente in Tattoo. In seguito la formazione viene cambiata con l’ingresso di Richard Mc Kraken al basso e John Wilson alla batteria. Con la nuova band Rory incide tre album in studio e due dal vivo, tra cui una formidabile esibizione al festival dell’Isola di Wight. I Taste si sciolgono nel 1971 per volontà di Gallagher, deciso ad avviare quella che diverrà una carriera solista. Gallagher ingaggia quindi il bassista Gerry Mc Avoy e il batterista Wilger Campbell ad affiancarlo, ed esordisce con un  album omonimo nel 1971. Ascolta: Crest of a wave – Rory Gallagher (Best years, 1976)

Jon Bon Jovi (Perth Amboy, 2 marzo 1962) è un cantautore, polistrumentista e attore statunitense, Leader dei Bon Jovi. Oltre ai dischi con la band, Jon Bon Jovi ha registrato due album da solista: Blaze of Glory (1990) e Destination Anywhere (1997), oltre ad un album non ufficiale, edito in Italia col nome John Bongiovi, intitolato The Power Station Years. L’album contiene 14 inediti registrati tra il 1980 e il 1983, remixati e rimasterizzati nel 1997. Ascolta: Keep the faith – Bon Jovi

Hank Ballard, nome d’arte di John Henry Kendricks (Bessemer, 18 novembre 1927 – Los Angeles, 2 marzo 2003), è stato un cantautore statunitense di rhythm and blues. Ballard è stato bandleader del gruppo musicale Hank Ballard and The Midnighters ed uno dei proto-rocker dei primi anni cinquanta, ricoprendo un ruolo importante nello sviluppo della musica rock and roll. Ascolta: Baby Please – Hank Ballard & The Midnighters

Eddie “Lockjaw” Davis (Edward Davis) (New York, 2 marzo 1922 – Culver City, 3 novembre 1986) è stato un tenorsassofonista jazz statunitense.. Eddie suonò con Cootie Williams, Lucky Millinder, Andy Kirk, Louis Armstrong, e Count Basie, e diresse diversi gruppi a suo nome, con cui fu spesso in sala d’incisione: Davis fu attivo in diversi generi jazzistici tra cui lo swing, bebop, l’hard bop, il Latin jazz, e il soul jazz sconfinando addirittura, in alcune incisioni degli anni 40, nel rhythm and blues. Eddie era un rispettato bandleader, oltre che un ottimo strumentista, e nei suoi gruppi militarono alcuni dei miglior jazzman della sua generazione, incluso un giovanissimo Miles Davis. Ascolta: In walked Bud – Eddie Davis & Johnny Griffin

Karen Carpenter (New Haven, 2 marzo 1950 – New York, 4 febbraio 1983) è stata una cantante e batterista statunitense. Nei suoi primi anni di attività, che vanno dal 1965 al 1968, fondò un trio chiamato “The Richard Carpenter Trio” insieme a Wes Jacobs e suo fratello Richard. Con quest’ultimo, durante gli anno ’70 formò il duo The Carpenters. Ascolta:Ticket to Ride – Carpenters

Mark Whitmore Evans
(Melbourne, 2 marzo 1956) è un bassista australiano. Dal 1975 al 1977 fece parte degli AC/DC come bassista in pianta stabile. Partecipa alle registrazioni ed ai rispettivi tour degli album T.N.T., High Voltage, Dirty Deeds Done Dirt Cheap e Let There Be Rock. Nonostante il grande successo che stava ottenendo la band, Evans lascia nel 1977 e viene sostituito da Cliff Williams (costui è ancora l’attuale bassista) per l’album Powerage. Dal 1978 Evans suonerà in svariate band (tra le quali Finch, Heaven e Contraband). Ascolta: Stick Around – Ac/Dc

Stevie Rachelle, all’anagrafe Steven Howard Hanseter (2 marzo 1966), è un cantante tedesco naturalizzato statunitense, noto per essere il frontman della hair metal band Tuff. Ascolta: Lonely Lucy – Tuff

Luke Pritchard (Worthing, 2 marzo 1985) è un cantante e chitarrista britannico. È attualmente il cantante e chitarrista dei The Kooks.Ascolta:Matchbox – The Kooks

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi