Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Reloaded | Pubblicato il 7 aprile 2015

L’appuntamento quotidiano con la storia  della musica. In questo articolo raccogliamo tutte le ricorrenze riguardanti la nascita e la morte dei personaggi della musica. La nostra maggiore fonte è wikipedia coadiuvata dalle maggiori webzine musicali e dalle nostre conoscenze, quindi non esitate a segnalarci gli errori.

Billie Holiday

 

Billie Holiday (pseudonimo di Eleanor Fagan Gough, nota anche come Lady Day; Baltimora, 7 aprile 1915 – New York, 17 luglio 1959) è stata una cantante statunitense, fra le più grandi di tutti i tempi. Nel 1933, diciottenne, mentre cantava al “Log Cabin”, fu notata dal produttore John Hammond, che le organizzò alcune sedute in sala d’incisione con suo cognato Benny Goodman. Tra il 27 novembre ed il 3 dicembre di quell’anno incise i suoi primi dischi con l’orchestra di Goodman. S’intitolavano Your Mother’s Son-in-law e Riffin’ the Scotch. I due dischi passarono inosservati. Ma Hammond continuò a credere in lei. Nel 1935 le procurò un contratto con il pianista Teddy Wilson per l’incisione di alcuni dischi per l’etichetta Brunswick.  Nel 1936 cominciò a incidere dischi col proprio nome per l’etichetta Vocalion. 

Miniplaylist:

These foolish things – Billie Holiday
The very thought of you – Billie Holiday
Lady songs the blues – Billie Holiday

Nicola Riccardo Fasani detto Faso (Milano, 7 aprile 1965) è un bassista italiano. Faso è il bassista degli Elio e le Storie Tese, Trio Bobo e Biba Band. Ha anche fatto parte della band The Phazees per alcune trasmissioni televisive di MTV. Ha collaborato, tra gli altri, con Rossana Casale, Mina, Franco Fasano, Sergio Caputo, Daniele Silvestri. Per quest’ultimo ha suonato tutti i brani dell’album Daniele Silvestri (tranne L’uomo intero e Il Flamenco della doccia) e i brani L’uomo col megafono, Le cose in comune, Prima di essere un uomo e Marzo 3039 dall’album Prima di essere un uomo. Suona inoltre nelle canzoni Salirò, Sempre di domenica e Manifesto dell’album Unò-dué. Nell’album Bau di Mina (2006), Faso suona il basso in sette brani: Johnny scarpe gialle, Nessun altro mai, Alibi, Un uomo che mi ama, L’amore viene e se ne va, Fai la tua vita e Inevitabile.

Miniplaylist:

Heavy Samba – EELST (Studenetssi, 2008)
Abbecedario – EELST (Esco dal mio corpo e ho molta paura, 1993)
Uomini col borsello – EELST (Italian, Rum, Casusu, Cikti, 1992)

Spencer Dryden (New York, 7 aprile 1938 – 11 gennaio 2005) è stato un batterista statunitense che ebbe la sua maggiore fama con il gruppo Jefferson Airplane che abbandonò nel 1970. Ha fatto parte anche del gruppo New Riders of the Purple Sage.  Ascolta: In Time  – Jefferson Airplane

Frederick Dewayne (Freddie) Hubbard (Indianapolis, 7 aprile 1938 – Sherman Oaks (California), 29 dicembre 2008) è stato un trombettista statunitense. Virtuoso e tecnicamente versatile, Freddie Hubbard ha presto maturato un sound particolare e personale di natura prevalentemente hard bop con forti venature di free jazz. Esordisce da professionista con il chitarrista Wes Montgomery. Nel 1958 lascia Indianapolis per New York, dove inizia a collaborare con Sonny Rollins e J.J.Johnson. Ascolta: Red Clay – Freddie Hubbard

Gino Marinuzzi jr. (New York, 7 aprile 1920 – Roma, 8 novembre 1996) è stato un musicista e compositore italiano. Di formazione musicale milanese, iniziò la carriera giovanissimo e prima ancora di diplomarsi in composizione, pianoforte e direzione d’orchestra al conservatorio di Milano compose a sedici anni la sua prima opera, Concertino, e diverse composizioni per pianoforte. Intensa è stata, fino al 1943, la sua produzione per strumento solo e per orchestra, una produzione che lo ha fatto annoverare tra le avanguardie musicali di quegli anni. Nel 1946 Marinuzzi jr. si trasferisce a Roma, dove lavora per un periodo come Maestro sostituto al teatro dell’Opera. Da allora ha vissuto nella capitale svolgendo attività di compositore ed insegnante. Negli anni sessanta e settanta si è dedicato prevalentemente alla musica per cinema, teatro, radio e televisione, per riprendere a comporre per orchestra negli anni ottanta. Particolare rilievo ha rivestito il ruolo pionieristico da lui ricoperto nella ricerca e sperimentazione musicale, portata avanti fin dai primi anni cinquanta, nel campo della musica elettronica. Ascolta: Battaglia di Ritmi – Gino Marinuzzi jr

Mick Abrahams (Luton, 7 aprile 1943) è un chitarrista inglese. Fu il primo chitarrista dei Jethro Tull, band con la quale registrò il primo album, This Was, nel 1968. A causa di contrasti con Ian Anderson dovuti a differenze di opinioni circa lo stile musicale che avrebbe dovuto perseguire il gruppo, decise di abbandonare la band nel novembre dello stesso anno, sostituito momentaneamente da Tony Iommi e definitivamente da Martin Barre. Fu così che Abrahams ebbe occasione di formare i Blodwyn Pig nel 1969 registrando due album, ma nel 1970 decise di abbandonare il gruppo e formare The Mick Abrahams Band, con la quale incise due album per la Chrysalis Records. A fine anni novanta Abrahams formò una nuova band chiamata This Was. Ascolta: A Song for Jeffrey – Jethro Tull

Klaus Roeder (Stoccarda, 7 aprile 1948) è un musicista tedesco. È noto per essere stato membro, dal 1973 al 1974, della band di musica elettronica tedesca dei Kraftwerk in qualità di violinista e chitarrista. Con i Kraftwerk, Roeder registrerà l’album Autobahn per poi abbandonare la band prima ancora che venissero terminate le registrazioni dell’album. In precedenza aveva militato come chitarrista in una band free jazz chiamata Synthesis. Ascolta: Mitternacht – Kraftwerk

Bob Berg (New York, 7 aprile 1951 – Amagansett, 5 dicembre 2002) è stato un sassofonista statunitense.  Nel 1968 Berg entra alla Juilliard School. Durante gli studi alla Juilliard, Jack McDuff, un organista, propone al sassofonista di suonare con lui nel suo tour. Dal 1973, per tre anni intensi, suona con Horace Silver. Nel 1976, invece, sostituisce George Coleman nel quartetto classico Cedar Walton’s. Vi rimane per 5 anni, con il batterista Billy Higgins e il bassista Sam Jones, suonando in tutto il mondo e registrando vari dischi. Nel 1984 Bob Berg entra a far parte della band di Miles Davis e partecipa ad alcune tappe del tour di Pino Daniele. Dopo questa esperienza, intraprende la carriera da solista, incidendo molti dischi, tra cui Back Roads che nel 1993 vinse il Grammy Award per la miglior performance jazz contemporanea (“best contemporary jazz performance”). A questo punto conosce il chitarrista Mike Stern, con cui lavora molti anni. Nel 1992 Berg si unisce al quartetto acustico di Chick Corea. Dopo un paio di anni passati con Chick Corea, fonda un proprio quartetto: “The Bob Berg Quartet”. Ascolta: Mayumi – Bob Berg

Alan Robert (Brooklyn, 7 aprile 1962) è un cantante, bassista e fumettista statunitense, noto per essere uno componenti/fondatori dei Life of Agony sin dal 1989. Ascolta: Underground – Life of Agony

 

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi