Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 24 dicembre 2014

royksopp_paint_2-440x440

Royksopp

The inevitable end

Genere: Electro dreamimg

Anno: 2014

Casa Discografica: Dog Triumph

Servizio di:

Tutto prima o poi finisce, volge al termine perlomeno in questa facciata sonora. Questo almeno pare confidarci, già dal titolo dell’ultimo album The Inevitable End, il duo norvegese dei Royksopp, un sodalizio artistico che vuol voltare pagina e, chissà, magari rimodularsi in un qualcosa da considerare diverso o ancor più fuori rotta, fatto sta che tutto lascia presagire un divorzio sonoro del quale non ci rimane che prenderne atto attraverso il “melanconico filtraggio” di questo ottimo lascito formato disco.

E’ – da parte loro – come una rassegna di sé stessi, della loro magica nuvolaglia impalpabile quanto libera, traiettorie e brani lussureggianti di leggerezza che tra minimalismo, beat, glitch, loop hanno fatto storia in poco tempo e hanno altresì permesso a moltissimi ascoltatori – sciami direi – di poter galleggiare e volare senza mai staccare un piede da terra. Ed è anche il consueto disco di vibrazioni nobili, di rilassamenti mentali e fisici straordinari “Sordid affair”, “Rong”, tracce che trascinano in un dolciastro limbo di svenevolezze nordiche “I had this thing” o al centro di paesaggi  di mite sconfinatezza “Coup de grace”; quello che ci mancherà di questo duo è l’aura sonora in cui svolazza delicatamente, la grazia pulsante di una musica che è parte integrante con l’anima di chi presta orecchio, e questo disco testamento ce lo conferma  a piene emozioni.

Quasi omaggiati i Daft Punk in “Thank you” e le botte di vita discotecare “Running to the sea”, il disco approda a “Oh no”, lascito sinfonico che fa venire il magone, ed è li che si capisce appieno che la strada finisce, ed è lì che Torbjon Brundtland e Svein Berge – coadiuvati dalla splendida voce di Jamie McDermott – sfumano nell’ombra, tra un addio o un “sentirci” più in la!

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Skulls
  • 2 · Monument
  • 3 · You know I have to go
  • 4 · Save me
  • 5 · I had this thing
  • 6 · Rong
  • 7 · Here she comes again
  • 8 · Running to the sea
  • 9 · Compulsion
  • 10 · Coup de Grace
  • 11 · Thank you
  • 12 · Do it again
  • 13 · Goodnite Mr. Sweetheart
  • 14 · Caramel afternoon
  • 15 · Oh no
  • 16 · Something in my heart

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi