Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

News | Pubblicato il 23 maggio 2015

Rieccoci con l’usuale  appuntamento settimanale intitolato “Saturday Come Slow”, uno spazio con il quale parte della redazione vi propone le migliori novità della settimana. Considerato l’elevato numero di nuovi brani settimanali, abbiamo pensato di estrapolare quelli che hanno destato maggiore interesse. Ogni singolo articolo di questo spazio lo troverete nella sezione News. Cliccate sui titoli per ascoltare i brani.

Midas2

Can We Sleep – Mids The Cloud (2015)

Midas the Cloud è il progetto solista del bassista e cantautore londinese Jed Hampson. “Can We Sleep” è il suo brano di debutto che mette in evidenza il notevole timbro vocale (che in qualche modo rimanda a King Krule), le atmosfere oscure e l’elettronica essenziale che rinvigorisce solo nel finale.

I hear Voices – Sunflower Bean (2015)

A un anno dall’uscita dell’ep di debutto con Show Me Your Seven Secrets, tornano i Sunflower Bean. Il nuovo brano si intitola “I Hear Voices” e uscirà come singolo il 25 Luglio. Il pezzo mette in evidenza la forte componente psichedelica che inscatola le trame (post-)punk.

Dirty Smelly – Komara (Komara, 2015)

Debutto per il trio KoMaRa. La band si è formata nel novembre del 2014 ed è frutto del fortuito incontro tra Pat Mastelotto,  batterista dei King Crimson dal 1994, David Kollar, chitarrista slovacco e Paolo Raineri  dei Junkfood alla tromba. L’album omonimo, in uscita il 30 Giugno per Hevhetia, è principalmente strumentale e si prospetta una interessante miscela di suoni e ritmi cupi carichi di tensione. L’artwork è di Adam Jones dei Tool. Vi proponiamo “Dirty Smelly”.

The EMpire Line – Konntinent (The Empire Line, 2015)

Konntinent è il progetto del musicista e compositore londinese Antony Harrison. The Empire Line è il suo nuovo album che uscirà il 22 Maggio via Home Normal. Sono presenti i contributi vocali di Cuushe, Chantal Acda e Lisa Beth Madisson. Le tracce fanno emergere una miscela fra sperimentazioni e dilatazioni elettroniche, retaggi neoclassici e suggestioni da folk minimale.

Seven – Settore Giada (Notturno, 2015)

Settore Giada è il progetto solista del ploistrumentista ticinese Ali Salvioni, A tre anni da Per Elisa, ritorna con un nuovo lavoro intitolato Notturno. Da un primo ascolto emerge come l’esigenza cantautorale sia avvolta da atmosfere brumosa e da trame (post-)wave.

Mountain – Phoenix Foundation (Give Up Your Dreams, 2015)

A due anni dall’uscita di Fandango, i Phoenix Foundation hanno annunciato l’uscita del sesto album in studio. Si intitola Give Up Your Dreams e verrà pubblicato il 7 Agosto via Memphis Industries. “Mountain” è il primo singolo estratto disponibile in streaming.

Frozen Streams – The Frozen Vaults (1816, 2015)

The Frozen Vaults è il  collettivo composto da nomi noti sulle nostre pagine: Bartosz Dziadosz (Pleq), Harry Towell (Spheruleus), Yuki Murata (piano), David Dhonau (violoncello) e Tomasz Mrenca (violino). 1816 è l’album di debutto che è uscito il 27 Aprile via VoxxoV Records. Emergono sonorità che incorciano trame noeclassiche con la ricerca elettroacustica

Paper Wings – Shuttle358 (Can You Prove I Was Born?, 2015)

Shuttle358 è lo pseudonimo del producer e musicista statunitense Dan Abrams. Can You Prove I Was Born è il suo nuovo album ed è uscito il 19 Maggio via 12K. L’artwork è a cura della fotografa polacca Ada Augustyniak. Le sonorità riprendono trame ambient minimali ma consistente e caratterizzate da un notevole movimento globale delle trame.

You Are, You Are – October Drift (2015)

October Drift è una band britannica di recente formazione e su cui abbiamo poche informazioni biografiche. Hanno tre singoli all’attivo e hanno realizzato il loro primo tour con un grande successo di pubblico. Vi proponiamo “You Are, You Are“. Viene fuori un suono granitico e che predilige la dissonanza associata anche a passaggi melodici che però non intaccano le intenzioni principali della composizione.

Apex – Move Orchestra (2015)

Move Orchestra è un terzetto i fratelli provenienti dagli Stati Uniti; non solo musica ma si tratta anche di un progetto visuale. “Apex” è il brano di debutto che mette in evidenza i vari strati della loro musica: la partenza soava, l’elettronica che si insinua, il falsetto che sopraggiunge e ancora la frammentazione ritmica.

Swing - THØSS (2015)

THØSS è un interessante cantautore e musicista britannico di cui abbiamo poche informazioni biografiche. “Swing” è il suo brano di debutto che colpisce per la grazia e soavità vocale e la trama acustica avvolgente.

Rust – Akase (2015)

Akase è il progetto che coinvolge Harry Agius (note come Midland) e il cantante Robbie Redway. In attesa dell’album di debutto, il duo ha riveltao il brano d’esordio intitolato “Rust” che uscirà come singolo il 29 Giugno via !K7 Records. Il pezzo mette in evidenza l’insistenza ritmica precisa e puntuale dell’elettronica che si “sposa” benissimo con le melodie vocali di Redway.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi