Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

News | Pubblicato il 30 novembre 2013

Rieccoci con l’usuale  appuntamento settimanale intitolato “Saturday Come Slow”, uno spazio con il quale parte della redazione vi propone le migliori novità della settimana. Considerato l’elevato numero di nuovi brani settimanali, abbiamo pensato di estrapolare quelli che ci sono sembrati più interessanti. Ogni singolo articolo di questo spazio lo troverete nella sezione News. Cliccate sui titoli per ascoltare i brani.

Otto A Totland

Oana – Otto A. Totland (Pino, 2014)

Per chi ci segue da tanto, non sarà un nome nuovo quello di Otto A Totland. Il musicista e compositore norvegese è parte di gruppi come Deaf Center e Nest. Pino è il suo primo album solista e “Oana” è il primo singolo estratto.

Il Complotto – Non Voglio Che Clara (L’amore fin che dura, 2014)

Uscirà il prossimo 21 gennaio il nuovo album dei Non Voglio Che Clara, che si intitolerà L’amore fin che dura. Proprio oggi la band ne ha dato notizia sul proprio profilo Facebook, pubblicando quello che è il primo singolo estratto dal disco, intitolato “Il complotto“.

Ilsa Dorown – Death Vessel (Feat Jonsi) (Ilsand Intervals, 2014)

Il 25 febbraio uscirà il nuovo album di Death Vessel, progetto del cantautore statunitense Joel Thibodeau. Si intitola Island Intervals e “Ilsa Drown”, che vede il contributo vocale di Jonsi, è il primo singolo estratto.

Innocence – Pontiak (Innocence, 2014)

Nuovo album dei Pontiak che uscirà a fine gennaio. Si intitola Innocence ed è possibile ascoltare la title-track.

Hope – Rion (Fireflies, 2013)

Rion è il progetto ambient-drone portato avanti da Ian Hawgood e Ryo Nakata, nomi familiari per chi ci segue con costanza. Il loro ep di debutto si intitola ホタル (Fireflies) ed è uscito il 25 novembre per l’ottima Hibernate Recordings. Ecco lo streaming.

Paris – Foreign/National (2014)

Paris” è il brano di debutto dei Foreign/National, quintetto psych-pop australiano. Nel 2014 è prevista l’uscita del loro primo ep.

Volcano – Woodkid (2013)

Nuovo brano del francese Woodkid di cui vi abbiamo parlato qualche mese fa per il suo debutto con The Golden Age. Si intitola “Volcano“.

Birth – Geryon (Geryon, 2013)

Geryon è un duo statunitense (basso/batteria) composto da Nicholas McMaster e Lev Weinstein. Geryon è il loro ep di debutto. Quattro brani che mettono in evidenza la natura black metal della loro musica con un’imponenza e una tecnica notevole.

Broken Homes – James Murray (Broken Homes, 2013)

Qualche mese fa via bbiamo parlato del nuovo lavoro di James Murray, talentuoso compositore britannico, in occasione dell’uscita di The Land Bridge. Da qualche giorno è uscito un nuovo lavoro composto da un’unica traccia intitolato Broken Homes. 

Kanata – Mono (2013)

Si fanno risentire i Mono, a più di un anno dall’uscita di For My Parents. Non si tratta di un nuovo album ma di una serie di brani composti per la serie televisiva giapponese “Kanata No Ko”. E’ possibile ascoltare il primo di questi brani. Si intitola “Kanata”.

Only Now – shak. (Slow Wonders, 2013)

shak. è un producer olandese di notevole interesse. Il suo nuovo ep si intitola Slow Wonders ed è uscito per la italiana Bad Panda Records. Un’elettronica notturna, figlia del future sound, dilatata e costruita meticolosamente e accompagnata (in alcune tracce) da un’ottima trama vocale.

Re-Birth – Svarta Stugan (A mutation and a madness, 2013)

L’anno scorso vi abbiamo parlato dell’album di debutto dei Svarta Stugan, band svedese che proponeva una rielaborazione molto personale del concetto di post-rock. La formazione comprende Henrik Toresson (Chitarra/synth), Filip Bagewitz ( Laptop/ Circuit bending/ synth) e Emanuel Svensson (Batteria/Synth). A mutation and a madness è il nuovo ep e potete ascoltarlo in streaming. Le quattro tracce sembrano virare su territori più sperimentali e rumoristici e riprendono il filone di un paio di tracce dell’ep di debutto. Da segnalare anche le collaborazioni di tre speciali ospiti: Henrik Nilsson degli Ixtahuele, il cantante Christoffer Johansson dei The Bitter and Sick and Die Alones e il trombonista  Christoffer Alehed deiDe Stora Hattarn.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi