Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 20 ottobre 2015

scisma-copertina-mr-newman-reunion

Scisma

Mr. Newman

Genere: Songwriting, Pop

Anno: 2015

Casa Discografica: Woodworm label

Servizio di:

A volte ritornano per convenienza altre per necessità. La storia delle reunion passa anche attraverso i sentieri sonori degli Scisma, band di culto degli anni ’90 che torna a far parlare di sé dopo circa quindici anni di rumoroso silenzio. Sì perché la band da cui è nata la penna immaginifica dell’ormai noto Paolo Benvegnù ha continuato a suscitare interesse in tutti questi anni, merito soprattutto dei due ottimi album (Rosemary Plexiglass, Armstrong) ancora oggi annoverati tra i più visionari del panorama indipendente di fine millennio. Allora è presto detto, il ritorno di fiamma degli Scisma, inizialmente solo immaginato, si è concretizzato in questo 2015 in Mr. Newman, un ep di appena sei tracce ma che bastano a fornire coordinate precise sul nuovo percorso intrapreso.

A sostenere l’impalcatura sonora di Mr. Newman il duo Benvegnù/Mazo, ancora così incredibilmente affini ed eterei. Le visioni su carta cantate dagli Scisma sono inafferrabili e possono contare su arrangiamenti che contribuiscono ad accrescerne di spessore qualitativo. C’è ancora quel furore primitivo ma è chiaro che l’ep in questione non possa esser considerato un lavoro esclusivamente targato Scisma : l’incontenibile carisma di Paolo Benvegnù è onnipresente e Mr. Newman ne esce quasi come una produzione ibrida, sbilanciata verso l’estro del succitato B. Un esempio nitido è la title-track “Mr. Newman”, tesa ed arrembante come fu l’album Le Labbra (2008), segno di uno studio antropocentrico che persiste da Hermann (2011) in avanti, oppure la stessa “Neve e resina” dove il connubio con Sara Mazo diventa finalmente palpabile e riesce a cristallizzare una piccola gemma cantautorale ( e inventerò mondi che non vedrai mai/ inventerò un mondo che non finisce mai). Non mancano le miscele sperimentali che riuscirono a catalizzare l’attenzione dei fan della prima ora : “Darling Darling!” si muove su una base jazz-wave accattivante, che mischia elementi esterofili ad un songwriting alternativo di grande efficacia. Si parla di “alternativa” anche nel singolo “Musica elementare”, pop ma con uno spirito fortemente critico e pungente, mentre l’ultima parte di Mr. Newman è interamente affidato alla “parola” come necessità primaria : intensa in “Metafisici” (tutto è bianco/ irreale/ di seta), sospesa in “Stelle stelle stelle” dove si mescolano pensieri liberi e puro lirismo in una cornice musicale totalmente straniante.

Mr. Newman si conferma un piacevole ritorno, quasi inevitabile ma che non riesce a reggere il confronto con le produzioni 90’s (magari nemmeno intendeva farlo). Tutto appare come una fase di transizione, un modo per creare un ponte che legasse tra loro stanze vuote da circa quindici anni e che prepara il terreno a qualcosa di molto più consistente. La leggiadria dei testi è ancora un tratto distintivo degli Scisma ma ora è lecito attendersi il decisivo salto di qualità.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Mr. Newman
  • 2 · Neve e Resina
  • 3 · Darling Darling!
  • 4 · Musica Elementare
  • 5 · Metafisici
  • 6 · Stelle stelle stelle

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi