Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 dicembre 2013

yumma

Yumma-Re

Sing Sing

Genere: Rock, Blues, Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: Monochrome Records/Tippin The Velvet

Servizio di:

Avviare  un processo catartico che affondi le radici nella propria infanzia per poter comprendere le contraddizioni del presente. Affidarsi a ricordi, sensazioni, istantanee del passato solo per rievocare una cognizione del quotidiano mutata profondamente e sempre più spiazzante. Sono queste le linee guida alla base di “Sing Sing”, secondo album in studio della band Campana Yumma-Re, attiva dal 1996 e con un buon quantitativo d’esperienze maturate su e giù per la penisola.

Sing Sing  è il nomignolo del palazzo in cui hanno vissuto i componenti del gruppo e così denominato poichè ricordava, nella struttura, il carcere omonimo di New York. Un luogo reale e allo stesso tempo legato ad un immaginario personale, fatto di piccole storie condivise e che si fanno portavoce di sentimenti collettivi. Proprio ispirandosi alle atmosfere vissute in questo luogo, i Yumma-Re hanno trovato il pretesto per analizzare un’Italia già da tempo in rotta verso un assordante declino.

Le liriche che caratterizzano Sing Sing riescono a catalizzare l’attenzione verso un sentimentalismo dai tratti malinconici seppur mai retorico. S’avverte frustrazione per occasioni mancate e vite che sfumano via come in “Autumn Song”, che offre un primo spaccato fedele sulla mistione sonora di cui i Yumma-Re sono capaci. Più serrato il ritmo di “Let’s spank politics”, un po’ Clash nel motivo ispiratore. Si bacchetta la classe dirigente Italiana “Building society requires honesty e dignity …”, caratteristiche che pare non alberghino da queste parti, e si auspica una presa di coscienza da parte delle nuove generazioni. Le influenze trip-hop iniziano a mostrarsi in “Rotten meat”, quadro sincero ed alienante dell’Italia dei primi anni ’10 , mostrata come prosciugata delle proprie peculiarità e sacrificata per volere di “porci”. Dopo l’invito alla sculacciata, arriva inaspettatamente una ballata blues ipnotica, “My Blues”, delicata come un fervore sottopelle che esce allo scoperto nelle dilatate atmosfere create dalla tromba di Umberto Nobile. Nell’album, tuttavia, sono disseminati ovunque spunti di riflessione sull’attuale condizione anche della parte Meridionale dell’italia, come nei brani “Sudamerica” che fa da sponda proprio con la questione del martirio del Sud delle Americhe, oppure nella sfiancata e smagrita Italia delineata ne “La reina de l’aldea” (brano completamente in lingua spagnola). Le ultime tracce in coda all’album, invece, sono contraddistinte da una mole di note malinconiche difficile da smaltire ( “I have a gun” e “Moon”), senza dimenticare il tributo a Billie Holiday “You let me down”, storie di sconfitte e d’irraggiungibili riscatti. Il pianoforte di “Sing Sing Ballad”, smorza la tensione emotiva dei brani precedenti ed avvia l’ascoltatore verso un luogo musicato soltanto dalla magia del silenzio. Non resta che chiedersi  “How many stars, have you counted tonight?”, come se fosse il numero delle stelle a tracciare la linea immaginaria che separa i vincitori dai vinti.

Il viaggio nei meandri di Sing Sing è segnato da tappe dolorose ma anche da stimoli rivoluzionari. E’ un lavoro frammentato in più anime che raccontano tutte una propria verità e lo fa mescolando in maniera omogenea generi musicali come il rock, blues, dub e innesti elettronici. Chissà se dal vivo si riescano a percepire anche gli odori del Sing Sing

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Autumn Song
  • 2 · Let’s spank politics
  • 3 · Rotten meat
  • 4 · My Blues
  • 5 · Sudamerica
  • 6 · La reina de l’aldea
  • 7 · I have a gun
  • 8 · You let me down
  • 9 · Moon (You broke my heart)
  • 10 · Sing Sing Ballad

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi