Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 30 aprile 2015

Pioulard

Benoit Pioulard

Sonnet

Genere: Ambient, Field Recording

Anno: 2015

Casa Discografica: Kranky

Servizio di:

A due anni dall’uscita di Hymnal e a uno dall’uscita di Yearling (con il progetto Orcas), Benoit Pioulard (Thomas Meluch) torna con un nuovo album solista. Si intitola Sonnet e uscirà il 30 marzo via Kranky Records.

Si tratta del quinto album per il musicista statunitense e questo nuovo lavoro segna un distacco parziale dalle produzioni precedenti, anche per il punto di partenza. I field recording di varia natura, registrati nell’aprile del 2014 (senza l’uso di software per l’editing), hanno rappresentato la base della composizione che è stata sviluppata anche sulla suggestione di sogni vividi che hanno contributo al processo creativo.

La componente folk viene quasi completamente eliminata (emerge timidamente nella rumorosa “A Shade of Celadon“) a favore delle trame ambientali (la melodia di “Of Everything That Rhymes“) che esprimo tutta la malia della sua musica. “The Gilded Fear That Guides The Flow” impressiona subito per la sua capacità di pennellare un luogo e le sensazioni che questo trasmette, una sorta di avvicinamento in un luogo piovoso con fuga ed esplorazione incluse. C’è una sorta di magia sia nei piccoli movimenti di “An Image Apart From Ourselves“, nella delicatezza di  ”Upon the Break Arch“, la malinconia di “Shut-ins on Sunday See“ e sia nell’azione dronistica di brani come “Whose Palms Create” e “So Etched in Memory” e quella rumoristica di “And Relent“. Una gestione del suono impeccabile e che riflette quella vividezza di cui parlavamo prima.

Nella musica di Benoit Pioulard si ritrova il concetto di bellezza: atmosfere sofisticate e che rilanciano la musica come esperienza, come connessione con ciò che ci circonda. Una narrazione mimetica: il compositore ha il merito di “scomparire” a favore della sua musica e in questo emerge tutta la sua bravura.

Voto: 7,2/10

Tracklist:

  • 1 · With No Advantage
  • 2 · The Gilded Fear That Guides The Flow
  • 3 · Of Everything That Rhymes
  • 4 · Is In Its Clearest Form
  • 5 · An Image Apart From Ourselves
  • 6 · Whose Palms Create
  • 7 · As Would a Weaver
  • 8 · A Shade of Celadon
  • 9 · So Etched in Memory
  • 10 · Upon the Break Arch
  • 11 · That Wounded Weathered
  • 12 · Shut-ins on Sunday See
  • 13 · The Very Edge of its Flame
  • 14 · And Relent

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi