Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 23 maggio 2015

modestmouse

Modest Mouse

Stranger to Ourselves

Genere: Alt-rock

Anno: 2015

Casa Discografica: Epic Records

Servizio di:

Modest Mouse sono tornati con un disco in studio che manca dal 2007, anno in cui uscì We Were Dead Before the Ship Even Sank. Il nuovo disco si intitola Stranger to Ourselves; è stato co-prodotto dallo stesso Isaac Brock ed è uscito il 17 Marzo 2015.

Ho sempre pensato un gran bene di loro e credo che siano la rappresentazione della band dell’eccellenza negli ultimi vent’anni. Hanno attraversato quasi due decenni e hanno mantenuto un’integrità di personalità paragonabile a poche band: sempre uguale a se stessi in un certo senso ma sempre pronti a cambiare pelle.

Anche in questo caso rimescolano le loro carte e realizzano un album convincente. La ruvidità del loro suono si assaporano nelle trame rallentate ed elaborate di “Shit in Your Cut” e di “The Tortoise and The Tourist” (una delle interpretazioni più sentite di Brock), nell’approccio melodico di “Ansel” e di “Lampshades on Fire“, il graffio di “Be Brave”. “The Ground Walks, with Time in a Box” è invece il pezzo in cui emergono in modo deciso, rappresentando un forte sguardo al periodo di piena forma.

Conosciamo anche la loro bravura nei brani più convulsi e animati dalla destrutturazione della linea ritmica come possiamo notare dal caos ordinato di “Sugar Boats“. E naturalmente anche i brani più raccolti fanno una figura pregevole: la dolce ed evocativa apertura di “Strangers to Ourselves“, la leggiadria ironica di “God Is an Indian and You’re an Asshole” e la chiusura solenne di “Of Course We Know“.

La penna e l’interpretazione di Brock e un livello tecnico spaventoso, nel senso buono del termine, rendono “speciale” questo ritorno che dimostra la forza vincente del progetto, nonostante nessuna pratica novità. Stile, concretezza, esperienza e talento sopperiscono a quest’ultimo aspetto.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Strangers to Ourselves
  • 2 · Lampshades on Fire
  • 3 · Shit in Your Cut
  • 4 · Pistol (A. Cunanan, Miami, FL. 1996)
  • 5 · Ansel!
  • 6 · The Ground Walks, with Time in a Box
  • 7 · Coyotes
  • 8 · Pups to Dust
  • 9 · Sugar Boats
  • 10 · Wicked Campaign
  • 11 · Be Brave
  • 12 · God Is an Indian and You're an Asshole
  • 13 · The Tortoise and the Tourist
  • 14 · The Best Room
  • 15 · Of Course We Know

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi