Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 27 agosto 2014

parquet sunbathing

Parquet Courts

Sunbathing Animal

Genere: Garage, Post-Punk

Anno: 2014

Casa Discografica: What's Your Rupture? / Mom + Pop

Servizio di:

I Parquet Courts non ci hanno fatto aspettare molto per il loro nuovo atteso album Sunbathing Anima in cui si ritrova quell’atteggiamento scanzonato, pigro e divertente che rese Light Up Gold, loro primo lavoro per l’etichetta What’s Your Rupture?, uno tra i migliori debutti dello scorso anno.  Ed è sempre quell’atteggiamento, espresso qui in maniera molto più personale, a rendere ancora una volta giustizia al nuovo LP. Ma cosa ha di più da offrire del suo predecessore?

Sunbathing Animal riprende i temi affrontati in precedenza diventando una vera e propria continuazione del primo CD. Il raggiungimento di un’efficace maturità espressiva variopinta ha reso le canzoni che maggiormente ricordano Light Up Gold più personali ed evolute, come “Black and White“, con i suoi clangori chitarristici e la sua potenza alla Wire, oppure la punkettara ed energica title track, o anche la scherzosa e paranoica “What Color Is Blood“, boogie-woogie moderna e parossistica a metà strada tra I’m Waiting For The Man dei Velvet Underground e Thank You for Sending Me an Angel dei Talking Heads. Inoltre ha permesso a questi quattro ragazzi di riuscire a creare una traccia (“Instant Disassembly“), basata sulla ripetitività e costruita intorno a un ipnotico riff di chitarra, umanamente sostenibile nonostante la sua durata di sette minuti. Le atmosfere rarefatte di “Dear Ramona“, ballata indie rock non lontana da quello che produssero i primi Strokes, e di “She’s Rolling“, jam post-punk essenzialmente decadente, dimostrano infine quanto questa band sia cresciuta enfatizzando la loro capacità e naturalezza nel sapersi destreggiare tra vari stili.

Il disco nel suo complesso suona comunque omogeneo, un album agile e veloce che non sarà un classico e né tanto meno pretende di esserlo, ma così sincero e coraggioso da riuscire a far emergere i Parquet Courts dal calderone di nuove band garage e post-punk.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Bodies Made Of
  • 2 · Black & White
  • 3 · Dear Ramona
  • 4 · What Color Is Blood?
  • 5 · Vienna II
  • 6 · Always Back in Town
  • 7 · She's Rolling
  • 8 · Sunbathing Animal
  • 9 · Up All Night
  • 10 · Instant Disassembly
  • 11 · Ducking & Dodging
  • 12 · Raw Milk
  • 13 · Into the Garden

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi