Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 28 ottobre 2013

Thaw

Thaw

Thaw

Genere: Black Metal, Ambient, Noise

Anno: 2013

Casa Discografica: Avantgarde Music

Servizio di:

Dopo due interessanti demo, i polacchi Thaw rilasciano il loro primo full-lenght per Avantgarde Music, etichetta italiana attiva dai primi anni ’90 e da sempre tra le migliori a livello mondiale per qualità, originalità, gusto e lungimiranza. L’uscita in questione non fa eccezione e ci consegna un esordio incentrato su una stimolante sintesi di metal estremo, sludge e passaggi ambient/noise , il tutto arricchito da una buona produzione e una copertina in linea con il mood del disco.

Sette pezzi piuttosto eterogenei e scorrevoli che partendo da una base prettamente black metal, come dimostrano le oscure “Ancestors” e “Divine Light”, procedono articolandosi intorno a passaggi più groovy e arpeggi dal sapore cosmico, aspetto che emerge soprattutto nella parte centrale del disco composta dalla strumentale “Kiara” e dalla cadenzata “World’s Grave”, composizioni in cui risultano evidenti le influenze dello stile Neurosis. La violentissima “Hunted Prey”, eretta su riff tanto acidi quanto maestosi, riporta alla memoria il favoloso debut dei norvegesi Keep of Kalessin (lanciati anche loro da Avantgarde nel 1997), mentre la chiusura è affidata a “Under the Slag Heap”, brano che invece farà la gioia degli amanti delle sonorità più lente, nere e psichedeliche.

Thaw rappresenta senza dubbio una delle migliori uscite recenti per il genere estremo contemporaneo, tuttavia non credo sia ingeneroso rimarcare la presenza di alcune lievi ingenuità in fase di arrangiamento, di un drumming  a tratti statico e di un’integrazione di diverse componenti che deve ancora completarsi prima di poter parlare di capolavoro. A parte questo, il giudizio resta nettamente positivo e l’acquisto è caldamente consigliato a chi come il sottoscritto è rimasto legato alla scena estrema degli anni ’90 e che allo stesso tempo ama i prodotti a marchio Neurot Recordings e Relapse interessandosi alle varie evoluzioni o più in generale alla contaminazione quando questa è sinonimo di creatività. Da supportare e seguire con molta attenzione.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · The Gate
  • 2 · Ancestors
  • 3 · Divine Light
  • 4 · Kiara
  • 5 · World's Grave
  • 6 · Hunted Prey
  • 7 · Under the Slag Heap

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi