Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 16 settembre 2013

SM1070

The Star Pillow

The Bautiful Questions/ Via del Chiasso

Genere: Ambient, Free-Jazz, Improvvisazione

Anno: 2013

Casa Discografica: Setola di Maiale, Taverna Records

Servizio di:

The Star Pillow nasce come progetto solista di Paolo Monti (chitarra ed elettronica). Con il terzo album Fattore Ambientale il progetto prende la forma di un duo con il pianista Federico Gerini. A un anno da quell’album ritornano con ben due album, scelta molto coraggiosa considerato il periodo non eccelso per la discografia.

Ma il coraggio viene dimostrato nell’approccio compositivo e nella totalità nell’esprimere il proprio concetto di musica. The Beautiful Questions è un vera e propria ricerca dell’intimità e sensisbilità ambient all’interno di un laboratorio musicale: infatti c’è la relativa linearità di “The rootz of Amazement” che si contrappone alla completa destrutturazione sonora di “happy to be dirty“; in principio c’è “On, in..out” nella quale queste contrastanti atmosfere vengono conciliate.

Via Del Chiasso ha un’impostazione diversa ma  mantiene lo stesso spirito. Essenziale risulta il contributo di Bruno Romani, al sax e ai flauti, esponente storico di una certa scena alternative underground (Detonazione, Xabier Iriondo, Alice, No Guru, ecc.). In questo secondo lavoro si accentua il fattore “improvvisazione” e non a caso la libertà d’espressione si manifesta con un’esplorazione delle sfaccettature del free jazz.

Atmosfere sicuramente noir (“Tommy“, la solennità di “Quasi Imperfetto“) che sanno ripercorrere l’aspetto classico del genere di riferimento ma asfaltando qualsiasi tipo di paletto. Per comprendere questo è sufficiente ascoltare “T-4-3” l’incrocio fra il sassofono e l’essenzialità del piano e l’evoluzione ritmica di quest’ultimo. Molto importanti risultano gli spazi, le pause che esaltano successivamente le “sfuriate” degli strumenti (pensate a “Pozzanghere“).

Due uscite che esprimono al meglio le potenzialità della band che naviga meravigliosamente fuori e dentro gli schemi: tecnica e creatività si incontrano per il racconto che emerge attraverso più linguaggi che risultano dinamici grazie all’approccio compositivo che si rivela essenziale per ammaliare l’ascoltatore.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · The Beautiful Questions: on, in...out
  • 2 · The roots of amazement
  • 3 · Happy to be dirty

    Via Del Chiasso

  • 4 · Tommy
  • 5 · T-4-3
  • 6 · Pozzanghere
  • 7 · 7 modi di essere 4
  • 8 · Quasi imperfetto
  • 9 · In Rosso

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi