Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 giugno 2015

Konntinent

Konntinent

The Empire Line

Genere: Sperimentale, Elettronica, Neoclassical

Anno: 2015

Casa Discografica: Home Normal

Servizio di:

Konntinent è il progetto del musicista e compositore londinese Antony Harrison. The Empire Line è il suo nuovo album che è uscito il 22 Maggio via Home Normal. Sono presenti i contributi vocali di Cuushe, Chantal Acda e Lisa Beth Madisson. Ospiti importanti che connotano in un certo modo il disco come avremo modo di raccontare.

Concepito come seuguto ideale di Opal Island del 2010, non si può non partire dalla libertà dell’approccio stilistico che segna a fuoco tutto l’album. L’elettronica è protagonista di un atto di ricerca (il volto rumoristico e travagliato di “The Luxury of Without“, la tessitura di “Fibula, Tibea“) che parte da basi minimali (i piccoli movimenti di “The Bridge“, la linea essenziale della title-track) e si lascia “travolgere” da contaminazioni neoclassiche (“In Your Continued Absence“) e echi folk (quello astratto di “Geschrei zwei ”).

A questo proposito, le voci ospiti risultano determinanti nella delineazione di queste sfumature. Lisa Madisson, in “The Coldest Night I’ve Known“,  incrocia i suoi sospiri vocali con le note di pianoforte: un brano che spiega bene l’intento dell’album con una contaminazione che punta alla fusione e alla fludiità piuttosto che alla semplice unione. L’intervento di Chantal Acda risulta ulteriormente efficace in “Tensile Strength” con l’aggiunta di impercettibili sottostrati. Cuushe interviene in “Amongst the Islanders ” nel pezzo più “creativo” per i vari livelli con cui viene disegnato.

The Empire Line è un disco che colpisce soprattutto per la costruzione del suono e per le piccole sfumature che fanno emergere la bellezza della musica di Konntinent che utilizza ogni elemento a disposizione in maniera appropriata con una cura eccezionale degli spazi. Un gran lavoro di ingegneria e architettura in primis a cui si accompagna un forte coinvolgimento emotivo.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · The Bridge
  • 2 · Tensile Strength
  • 3 · The Luxury of Without
  • 4 · Amongst the Islanders
  • 5 · The Empire Line
  • 6 · Geschrei zwei
  • 7 · Fibula, Tibea
  • 8 · In Your Continued Absence
  • 9 · The Coldest Night I've Known
  • 10 · Reasonable Doubt

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi