Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 9 aprile 2013

GIrl Names

Girl Names

The New Life

Genere: Pop-Wave

Anno: 2013

Casa Discografica: Slumberland Records, Tough Love Records

Servizio di:

Ci Sono esordi che non ti impressionano ma nei quali si possono notare intuizioni che, se sviluppate al meglio, possono portare ad un importante evoluzione. E’ quello che si può ammirare con l’ascolto del secondo album dei Girl Names intitolato The New Life, uscito per la Slumberland Records come il precedente Dead To Me. 

Dal Pop Rumoristico dell’esordio, il gruppo di Belfast (con la formazione rinforzata dall’entrata del chitarrista Philip Quinn) riversa l’anima melodica su strutture vicine al post-punk evitando ogni manierismo di circostanza  ed esaltando  al meglio  la vocalità di Cathal Cully. “Pittura Infamante” è il primo passo di questa evoluzione e si può subito notare come emerga l’armonia strutturale della loro musica che si incastra perfettamente con le parti strumentali prevalentemente di stampo wave (come nel finale).

Drawning Lines” rafforza questo aspetto con un suono più ruvido e interventi vocali ovattati e per questo efficaci; stessa cosa avviene in “Hypnotic Regression” nella quale si punta maggiormente sul ricamo della consistenza del suono. “Occultation” dilata le ritmiche e ha il pregio di racchiudere due forze: un mood malinconico che abbraccia il lato melodico della composizione.

La bravura del gruppo si può tastare soprattutto in brani come “A Second Skin” e “The New Life”, brani ricco di sezioni strumentali, ritmi ossessivi e decisi inasprimenti o “smussamenti” come avviene nella successiva “The Olympia” e in “Projektion”, il brano nel quale maggiormente si può notare una accentuata cura degli arrangiamenti dalla prima all’ultima nota.

The New Life è il manifesto di come un gruppo dovrebbe lavorare su stesso per migliorarsi e avvalorare le proprie attitudini senza la necessità di restare incastrati nel passato o le mode o ancora gli standard dei “movimenti”. Un secondo album importante con il quale hanno dimostrato di poter giocare un ruolo importante nella scena musicale contemporanea.

Voto: 7,2/10

Tracklist:

  • 1 · Portrait
  • 2 · Pittura Infamante
  • 3 · Drawing Lines
  • 4 · Hypnotic Regression
  • 5 · Occultation
  • 6 · A Second Skin
  • 7 · The Olympia
  • 8 · Notion
  • 9 · Projektion
  • 10 · The New Life

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi