Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 10 marzo 2014

Fenster - The Pink Caves

Fenster

The Pink Caves

Genere: Art Pop

Anno: 2014

Casa Discografica: Morr Music

Servizio di:

A due anni dall’esordio Bones, che non pochi apprezzamenti ricevette da critica e appassionati, era lecito attendere con una certa curiosità il secondo passo dei Fenster, creatura nata a seguito del sodalizio artistico tra la newyorkese JJ Weihl e il berlinese Jonathan Jarzyna. Dodici gemme pop costituivano quel disco e ne facevano esempio di originalità all’interno un sottobosco indie a volte frenato dalle velleità dei trend: la proposta dei tedeschi sembra ignorare i tempi, preferendo cullarsi in un immaginario fatto di Young Marble Giants e vecchie colonne sonore, favole e foreste oscure, intimismo e magia. La sostanza questa di tessiture minimali, materia che pare scomporsi per poi riprendere forma sull’onda delle sensazioni come nei sogni, puntellata a turno dalle voci dei due. E stavolta con uno sperimentalismo ancora più marcato, in cui entrano in gioco gli oggetti più disparati e i suoni da essi prodotti – dallo sfrigolìo di un fiammifero al ticchettìo di un orologio; “Mirrors” rende bene l’idea in tal senso.

Non che manchino gli strumenti d’ordinanza, comunque: apre “Better Days” e si entra subito nell’atmosfera cangiante del disco, lampi ritmici a dare spazio a un’andatura mesta, quasi zoppicante. I Fenster ribadiscono la loro bravura nel creare tanto con poco, lasciando che siano i dettagli a colpire nel segno come l’accenno di synth di una spaziale “In the Walls” o i cori spettrali che velano d’inquietudine le belle “True Love” e “The Light”. Senza lesinare, da parte di Jarzyna, una fugace apparizione da menestrello (“Fireflies”) in aggiunta a un’ulteriore incursione sintetica, chiari riferimenti eighties e falsetto quantomai vincente (“1982″), che in tema di episodi movimentati qui fa il paio con la carezzevole parentesi da chansonnier di “Hit & Run”. Per poi restituire il testimone alla voce femminile della Weihl, a cui è riservato il compito di calare il sipario tratteggiando la dolce nenia di “Creatures”.

Superata brillantemente la prova del fatidico secondo album, quindi, e con merito: in The Pink Caves la grazia è rimasta immutata così come l’ispirazione di un gruppo ormai avvezzo a produrre piccoli capolavori.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Better Days
  • 2 · Sunday Owls
  • 3 · In the Walls
  • 4 · Cat Emperor
  • 5 · True Love
  • 6 · The Light
  • 7 · Mirrors
  • 8 · Fireflies
  • 9 · On Repeat
  • 10 · Hit & Run
  • 11 · 1982
  • 12 · Creatures

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi