Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 6 dicembre 2014

elephant-stone-three-poisons-cover-225x225

Elephant Stone

The Three Poisons

Genere: Pop, Rock

Anno: 2014

Casa Discografica: Hidden Pony Records

Servizio di:

Magari cugini post datati di lontani Kula Shaker, quelli degli anni propiziatori, gli Elephant Stone, formazione pop-rock indo/canadese capitanata dal cantante Rishi Dhir; dopo un primo disco omonimo, tornano sulla scena mondiale con il nuovo The Three Poisons, undici tracce tutte improntate su una stilistica pop impregnata di movenze indù e profumi inglesi, una fragranza mixata dai forti accenti radiofonici e con quella patina”Ottantiana” (“Wayward son”, “Living for something”) che – una volta agitata a dovere – riporta intatta tutta l’atmosfera idilliaca di tempi andati, di epiche poppyes indimenticabili.

Il quartetto caratterizza la propria estetica artistica come un accumulo di suoni e timbri che attingono molto da una “Londra coloniale” – intesa come commistione tra il beatnik e incursioni orientali di ricerca di nuovi stimoli – e  all’ascolto la risulta potrebbe essere benissimo inclusa in settori “revival”, ma questo mè solo il primo impatto;  riascoltando la linfa della tracklist, la collocazione giusta come “ clubbing music” calza a pennello, musica essenzialmente per notti soffuse e fluò in una Notting Hill giovane, spensierata e multietnica. Si pensi a brani come “Motherless child (Love’s not for war)”, “Knock  you from yr mountain”, la stessa title-track. Chiude la ballata “Between the lines”, linea di confine in cui gli Elephant Stone rilasciano armonie e flavour di sandalo, un modo come un altro per dare appuntamento al prossimo “giro” tra musica e viaggi dai grandi space mentali

Consigliato!

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · Motherless child
  • 2 · Knock you from yr mountain
  • 3 · World's don't begin and end with you
  • 4 · All is burning
  • 5 · Wayward son
  • 6 · Intermediate state
  • 7 · Child of nature
  • 8 · Living for something
  • 9 · Three poisons
  • 10 · Echo & the machine
  • 11 · Between the lines

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi