Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 15 ottobre 2013

platonick-dive-remix-cover

Platonick Dive

Therapeutic Portrait Remixes

Genere: Electro, Post Rock

Anno: 2013

Casa Discografica: Black Candy

Servizio di:

A neanche un anno di distanza dall’uscita del loro disco d’esordio, Therapeutic Portrait (Black Candy Records / Audioglobe), i Platonick Dive presentano una versione dell’album completamente remixata. Un’idea questa che da tempo frullava nella testa del trio livornese composto da Gabriele Centelli, Marco Figliè e Jonathan Nelli, e che è andata concretizzandosi in questi ultimi mesi. Il gruppo ha affidato i loro brani a una serie di producer e musicisti elettronici di talento, tutti italiani, perché ne realizzassero dei remix. Così è nato Therapeutic Portrait Remixes e il risultato è davvero lodevole. Nove versioni remixate, con l’aggiunta di una rivisitazione a cura degli stessi Platonick di Moscova Jazzcore, l’ultima traccia del loro precedente lavoro. Con questo progetto, il gruppo segna l’inizio di un nuovo percorso creativo e dimostra quanto forte sia l’interesse e la volontà di esaltare quella vena elettronica, già riconoscibile nel disco d’esordio.

Tuttavia, il punto di forza di questa raccolta di remix sta nella decisione presa dal gruppo di coinvolgere esclusivamente artisti e producer italiani; il che ci offre l’opportunità di fugare il dubbio che in Italia non vi sia una “scena” elettronica valida quanto negli altri paesi europei. Da noi, quando si parla di elettronica, il rimando alla disco più bieca e commerciale è prarticamente automatico, e ciò penalizza tutti coloro che al contrario si dedicano a un tipo di musica più “ragionata”, che fa del beat non un semplice invito a scuotere le chiappe su basi senza senso, ma uno strumento di ricerca con cui sperimentare nuove possibilità e soluzioni stilistiche prima impensabili. Quel che manca in Italia è forse una cultura elettronica, giacché molti dj italiani sono costretti ad emigrare all’estero per far girare le loro idee o ritagliarsi uno spazio che non sia esclusivamente di nicchia. Per fortuna le cose stanno cambiando, e anche se alcuni degli artisti qui coinvolti si confondono con altri numerosi esempi di genere, dimostrano altresì gusto e talento da vendere.

Si parte con la versione di “Youth” affidata a AntiteQ, producer, musicista e dj fondatore di MagmatiQ Records. Seguono i suoni ipnotici e inafferrabili di “Soundproof Cabinet”, rielaborata da Machweo (Giorgio Spedicato). Giovanissimo producer, classe 1992, e fondatore della simpatica webzine Deerwaves. Il torinese Plato si cimenta sulle soffici trame di Tr’, dove un pattern ritmico ben concepito sostiene adeguatamente le delicate note di chitarra che ribattute ripetutamente strutturano il brano senza appesantire l’ascolto.

I brani si muovono con dolcezza. L’atmosfera complessiva si muove in punta di piedi, dipingendo paesaggi sonori da contemplare in silenzio. La prima versione di “Lovely violated innocence”, ad esempio, concepita da Need a name ovvero Dario Lupo, compositore salernitano di musica elettronica e sound designer, il cui contributo si avvicina agli ambienti eterei e dilatati di Sun Glitters. Uno dei remix più incisivi è quello del duo Dylan God che stravolge completamente “Meet me in the Forest” trasformandola in un incubo di rumori e cupi suoni di fondo. Perfino il parlato diventa più opprimente e minaccioso. I toni cambiano con la seconda versione di “Youth” rielaborata da Lorenzo Nada aka Godblesscomputers dj e producer romagnolo di formazione hip hop qui alle prese con giochi di voci e chitarre sovrapposte in un lirico onirismo ambient alla Balam Acab.

In Therapeutic Portrait Remixes i Platonick Dive si fanno da parte e lasciano che altri interpretino i loro brani con differenti stili personali ben amalgamati fra loro e in linea con lo spirito del gruppo. Si tratta di un’istantanea che ritrae una parte di artisti digitali italiani in ascesa. Nomi che vale la pena di approfondire e seguire con attenzione.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Youth (AntiteQ RMX)
  • 2 · Soundproof Cabinet (Machweo RMX)
  • 3 · Træ (Plato RMX)
  • 4 · Lovely Violated Innocence (Need A Name RMX)
  • 5 · Moscova Jazzcore
  • 6 · Meet Me In The Forest (Dylan God RMX)
  • 7 · Lovely Violated Innocence (M+A RMX)
  • 8 · Youth (Godblesscomputers RMX)
  • 9 · Soundproof Cabinet (Grovekingsley RMX)
  • 10 · Træ (Yocka RMX)

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi