Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 gennaio 2015

RADIATOR HOSPITAL

Radiator Hospital

Torch song

Genere: Alt-rock

Anno: 2014

Casa Discografica: Salinas

Servizio di:

L’americana Salinas Records sa bene dove mettere orecchio e occhio, non a caso le emozioni di alcuni nuovissimi gruppi underground a stelle e strisce che bazzicano – o meglio – frequentano un alt-rock con venature lo-fi (vedi LVL Up, Alex G, Mitsky, per dirne qualcuno) hanno attirato le attenzioni di chi di dovere; tra le fila della label ci sono pure i – più grandicelli –  Radiator Hospital, quartetto di Philadelphia al comando di Sam Cook-Parrott, formazione che viene annoverata e “assoldata” per dare filo da torcere alle astruse alternative dei panorami musicali statunitensi, e a sentire bene, la scelta è perfetta.

Torch song è il nuovo album/progetto della formazione, ma diciamo propriamente di Sam Cook/Parrott in persona, quindici tracce  – rigorosamente lo-fi nonostante il mix pop-punk e alt-rock autorale che innaffia abbondantemente l’ascolto – che flirtano con un ascolto smaliziato, brani dalle tinte vintage e con le mire indie, una scaletta che accarezza e pizzica tra elettricità e momenti “red sock college”, tutte fondamentalità stilistiche di quell’America mid-spensierata tutta cornflakes  e richiami d’oltre confine.

Tracce frizzanti, ballate e corsette amplificate talmente estemporanee ottime per girare in qualsiasi circostanza d’orecchio, prendiamo a caso gli shakeraggi vorticosi di “Blue gown”, “Leather & lace”, “The eye”, la spennata field nostalgica “Fireworks”, il mantrico girotondo che dondola in “Sleeping house” o la ballatona ventosa che spettina “Just may be the one”, tutto fa brodo per una manciata di minuti  intensi di un genere, un’estetica teen che non ha mai – e tantomeno – lo fa oggi, abdicato in favore delle mode last minute.

Una band che potrebbe lasciare il segno in questi confusi frangenti.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Leather & lace
  • 2 · Blue gown
  • 3 · Cut your bangs
  • 4 · The eye
  • 5 · 181935
  • 6 · Venus of the avenue
  • 7 · Five & dime
  • 8 · Fireworks
  • 9 · Bedtime story
  • 10 · I'm all right
  • 11 · Honeymoon phase
  • 12 · Sleeping house
  • 13 · Just may be the one
  • 14 · Fireworks (reprise)
  • 15 · Midnight nothing

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi