Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 21 novembre 2012

HTDW2

How to Dress Well

Total Loss

Genere: Avant-r'n'b, Future Sound

Anno: 2012

Casa Discografica: Weird World Records

Servizio di:

Se il nome di How to Dress Well vi è nuovo, prima di leg­gere questa recen­sione, andate a com­prare Love Remains, tra gli album più intensi ed emozio­nanti del 2010: un ine­bri­ante viag­gio che vi intro­durrà nel mondo del gio­vane statutin­tense Tom Krell.

A due anni da quella perla è giunto il momento del sec­ondo lavoro in stu­dio che si inti­tola Total Loss. L’ascolto del disco fa sorg­ere una domanda spon­tanea: chi è How To Dress Well? La risposta è sem­plice ed elab­o­rata allo stesso tempo: Tom Krell è un pic­colo genio moderno dotato di una grande sen­si­bil­ità sia estet­ica che interiore. E’ un can­tau­tore, stu­dente di filosofia ed è anche un pro­ducer e ogni nota che com­pone è ind­i­riz­zata verso un diretto obi­et­tivo per rap­p­re­sentare un deter­mi­nato sta­tus emozionale. Lo fa attra­verso una mag­nifica interpre­tazione vocale che mette in risalto il suo falsetto, con una splen­dida mis­cela fra soul e r’n’b - dal ret­ro­gusto pop - sulla quale si va a river­sare un’elettronica di un’eleganza unica.

Questa sua sec­onda fat­ica, uscita per la Weird World Records (Peak­ing Lights, Washed Out, Smith West­erns), è frutto delle espe­rienze per­son­ali poco esaltanti degli ultimi anni: la perdita di un amico e dello zio, la perdita dell’amore e l’allontanamento da alcune per­sone importanti. Eventi che lo hanno por­tato ad uno stato di depres­sione, ma non aspet­tat­evi solo il rac­conto di queste dis­gra­zie. Il disco è anche un per­corso — e un mezzo — per il supera­mento e l’elaborazione di questi dolori e il ritrova­mento di se stessi. Le varie sfu­ma­ture che caratterizzano il sound ne sono la dimostrazione.

L’inizio con “When I as in Trou­ble”, dopo pic­cole divagazioni rumoris­tiche, mette subito in mostra le capac­ità vocali e la tes­si­tura min­i­male di essa con la raf­fi­natezza dell’arrangiamento elet­tron­ico che porta a galla un umore inqui­eto. Base più cor­posa e pù minac­ciosa in “Cold Nites” con una pre­senza più mas­s­ic­cia della voce corre­data da impec­ca­bile back vocals. Fra i pezzi più belli dell’album, anche per le pause e le decel­er­azioni improvvise e colme di pathos. E poi arrivano i bri­v­idi con lo splen­dido loop sonoro di “Say My Name or Say What­ever”, anticipate dalle seguenti parole “I love to fly. It’s just you alone. You’ve peace and quiet, noth­ing around you but clear blue sky. No one to has­sle you. No one to tell you where to go or what to do. The only bad part about fly­ing is hav­ing to come back down to the fuck­ing world.” L’anima pop e r’n’b si man­i­fes­tano in modo impec­ca­bile in “Run­ning Back” e nei ritmi accelerati e danz­erecci di “& It Was You”. Si torna a rimti dilatati con “World I Need You, Won’t Be With­out You (Proem)”, epico e solenne pezzo stru­men­tale che viene arric­chito da inserti orches­trali. La stessa strut­tura si ripete in “Talk­ing To You”, ma il sur­plus è rap­p­re­sen­tato dai con­trasti vocali, per­fet­ta­mente incastonati.

A seguire c’è la pro­gres­sione magis­trale di “Strug­gle” che si con­clude su ritmi fre­netici. La voce diKrell è più sug­ges­tiva che mai nella cristal­lina e limp­ida in “How Many?”. “Set it Right” è un pezzo leg­ger­mente dif­fer­ente da quelli sen­titi sinora per la sua mag­giore robustezza soprat­tutto nella prima parte, nella quale l’aspetto vocale è quasi sovras­tato da quello musi­cale. Nella parte finale il pezzo acqui­sisce di mag­giore fluidità e si ori­enta su trame più scarne. La con­clu­sione è affi­data alla magia e ai suoni eterei di “Ocean floor for everything”.

Altre parole non ser­vono per descri­vere la maestosità di questo album che con­ferma il tal­ento diTom Krell, già ampia­mente espresso nell’album di debutto: la sua capac­ità di dare un suono e una forma speci­fica alle parole e le emozioni espresse è una virtù di pochi artisti.  

Voto: 8/10

Tracklist:

  • 1 · When I Was In Trouble
  • 2 · Cold Nites
  • 3 · Say My Name Or Say Whatever
  • 4 · Run­ning Back
  • 5 · & It Was U
  • 6 · World I Need You, Won’t Be With­out You (Proem)
  • 7 · Strug­gle
  • 8 · How Many?
  • 9 · Talk­ing To You
  • 10 · Set It Right
  • 11 · Ocean Floor For Everything

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi