Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 13 febbraio 2013

Saffronkeira_Tourette

Saffronkeira

Tourette

Genere: Dark-Ambient, Noise, Sperimentale

Anno: 2013

Casa Discografica: Denovali Records

Servizio di:

Tra i dischi fondamentali del 2012 va sicuramente annoverato il debutto di Eugenio Caria con lo pseudonimo di Saffronkeira. A New Life portava alla luce la continua ricerca sonora dell’artista sardo e quindi la capacità di dare sempre nuove forme al suono.

A pochi mesi dall’esordio, arriva il secondo disco intitolato Tourette, sempre su Denovali Records. Siamo davanti a un altro concept album e questa volta al centro del racconto di Saffronkeira vengono posti i disordini neurologici proprio come la Sindrome di Tourette.

Il Caposaldo dell’approccio sonoro all’argomento resta sempre la sperimentazione: vengono toccati tutti i “tasti” dell’elettronica con una maggiore enfasi su stutture dark-ambient, consistenti intrusioni rumoristiche e un accentuato minimalismo.

First Steps” ci introduce ad un’atmosfera spettrale e tesa che si riversa in un lento crescendo di incursioni noise e spazi sonori ristretti. “1859-1904” è caratterizzata da un intro che è il manifesto del minimalismo di cui parlavo; ma il brano si sviluppa su due strati: quello già citato che fa da elemento destabilizzatore e quello più sostanzioso e con ritmiche più sostenute che da consistenza al brano. Fra i migliori pezzi dell’album.

Una tempesta di rumori irrompe nella prima parte di “Motion” che si scioglierà prima in impercettibili richiami al dub e alla techno; e poi una voce femminile e l’elettronica che reclama la sua presenza in maniera più invasiva. Il Rumore prenderà decisamente il sopravvento nella prima parte di “Obsessive Compulsive” e verrà lentamente smantellato nella seconda parte.

Con “Fragile” viene toccata un’altra vetta: un pezzo essenziale, tetro e spiccata efficacia emotiva. Discorso simile si può fare per la raggelante “Insensible Crash”. La conclusione, con “The Desease” e “The Hope”, rivela ancora una volta la doppia linea della musica dei Saffronkeira: da un lato l’inquietudine, le atmosfere tetre e i silenzi rumoristici; i finali, più ottimistici, con un suono più pomposo e disteso.

Saffronkeira si conferma un ottimo costruttore, oltre che un abile narratore: riesce a sciogliere le trame del concept costruendo un sound su misura con una efficacia comunicativa più potente di quella verbale. Ed è quindi il secondo centro per Eugenio Caria: Tourette è un lavoro più conciso ma che non ha perso l’eleganza e la qualità che hanno contraddistinto il primo lavoro.

Voto: 8/10

Tracklist:

  • 1 · First Steps
  • 2 · 1859-1904
  • 3 · Motion
  • 4 · Fragile
  • 5 · Obsessive Compulsive
  • 6 · Insensible Crash
  • 7 · The Disease
  • 8 · The Hope

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi