Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 10 giugno 2015

God Damn

God Damn

Vultures

Genere: Alt-noise-Rock

Anno: 2015

Casa Discografica: One Little Indian

Servizio di:

God Damn ci hanno colpito subito per l’intensità e l’esplosività del loro suono. Una forza inarrestabile di ritmiche dal battito “impazzito” che è frutto di una tecnica notevole e in bilico fra struttura “live” e meditato controllo di ogni singola nota.  Il duo britannico è composto da Thom Edward e Ash Weaver. L’album di debutto Vultures è uscito qualche settimana fa via One Little Indian.

C’è sicuramente un ripescaggio che affonda le radici negli anni ’90 con richiami grunge (“Silver Spooned“, “We Don’t Like You“) e rimandi alla scena “alternative” (“By the Wayside“). C’è anche un approccio (innegabile) stilistico che viene disegnato su linee metal (“Shoeprints“, il flusso travagliato di “The Cut“); c’è una forza incendiaria che guida la loro musica ed è la parte rumoristica della composizione che regna in tutti i brani in varie forme. “Maladie Melodie” è il brano che meglio evidenzia questo aspetto.

When the Wind Blows” è il miglior biglietto da visita per lo stile vocale “sporco”, la violenza sonora e incontenibile ma ottimamente disegnata. “Horus” è progettata sulla crescita e sul contenimento e lascia trasparire quasi venature melodiche. La title-track rappresenta la punta di diamante, soprattutto per la gestione “scatenata” dei ritmi. Sorprende (ma non troppo) il finale “intimo” di “Sullen Fun” (stessa tendenza che si era timidamente manifestata nella prima parte di “Skeletons“) che mette alla luce un nuovo aspetto della loro musica.

I God Damn danno l’impressione di poter assumere le sembianze di chiunque vogliano essere e questo non toglie nulla al marchio stilistico che è ben definito. Stiamo parlando di prospettiva e capacità, la forza di trasformare un concetto di musica in suoni concreti e che impressionano dalla prima all’ultima nota. Un debutto di una certa caratura.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Horsley Fields
  • 2 · When the Wind Blows
  • 3 · Silver Spooned
  • 4 · Maladie Melodie
  • 5 · Shoeprints
  • 6 · By The Wayside
  • 7 · We Don't Like You
  • 8 · Horus
  • 9 · Vultures
  • 10 · Deadpan Riot
  • 11 · Skeletons
  • 12 · The Cut
  • 13 · Sullen Fun

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi