Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Classifiche | Pubblicato il 27 novembre 2014

Come ogni anno, torna l’appuntamento con la classifica dei dischi più attesi dell’anno che verrà. Un 2015 che si è già rivelato in parte e molte uscite sono state annunciate. Abbiamo selezionato 105 artisti, 35 italiani e 70 internazionali, che sveleremo all’interno degli sette articoli che accompagneranno la scalata verso le prime posizioni.

Artisti Italiani

afterhours

31. Afterhours. C’è molta curiosità sul futuro degli Afterhours che mancano dalle scene da circa due anni dopo l’uscita di Padania. Regna l’incertezza dopo gli abbandoni di Giorgio Ciccarelli e Giorgio Prette e sarà molto interessante scoprire quali saranno i risultati di questo “ciclone”.

32. Mrozinski. L’anno scorso vi abbiamo parlato di Trust in Love to Be di Lukasz Mrozinski , dal 1999, autore di testi e musiche. Fondatore dei Theorema, il progetto noise aSzEs0 e dal 2006 voce e chitarra dei Merçe Vivo. Ha suonato la chitarra nella storica noise band torinese Seminole, nei Toda e nel progetto di sonorizzazione sperimentale Rebe. Quest’anno è uscito il primo lavoro solista intitolato. Aspettiamo fiduciosi il secondo capitolo della sua discografia. 

33. LemonaitLemonait è il risultato della collaborazione fra i due producer Lemon Lights e Frank Brait (frnkbrt). “LIWU” è il primo brano pubblicato ed è disponibile in streaming sulla loro pagina soundcloud; emerge subito un’elettronica “fredda” nella quale si scioglie l’armonia vocale. Un pezzo promettente e che speriamo di ritrovare nell’eventuale album di debutto del 2015.

34. In ZaireIn Zaire è un quartetto che comprende l’eclettico Stefano Pilia (Massimo Volume), Claudio Rocchetti, Alessandro de Zan e Riccardo Biondetti (G.I. Joe). L’anno scorso vi abbiamo presentato l’album di debutto White Sun Black Sun. Brigadisco Records ha pubblicato la ristampa di Live One Side. Questo disco (inciso su un solo lato) e’ la registrazione del loro concerto live insieme a Movie Star Junkies e Hiroshima Rocks Around, organizzato dalla Cineteca Atomica del GArigliano nel marzo 2009. Non ci sono fonti ufficiale, ma confidiamo in un ritorno in studio nel 2015.

35. Ed WidgeEd Widge è il nuovo interessante progetto solista di Tommaso Sgarangella (Flowers or Razorwire) che vi abbiamo presentato quest’estate. “Lindsay” è il brano di debutto che fa emergere sonorità che miscelano strutture hip-hop e atmsofere jazzy (non a caso, fra le influenze, il primo ad essere citato è Flying Lotus).

 

Artisti Internazionali

Disappears

61. Disappears. A un anno dall’uscita di Era, Disappears (Brian Case, Damon Carruesco, Jonathan van Herik, Noah Leger) ritornano con il quinto album in studio. Si intitola Irreal e uscirà ufficialmente il 19 Gennaio 2015 via Kranky Records. “Another Thought” è il primo singolo estratto.

62. Jessica Pratt. A due anni dall’eponimo album di debutto, che fu prodotto da White Fence, ritorna Jessica Pratt. La cantautrice di San Francisco pubblicherà un album per la Drag City. Si intitola On Your Own Love Again e uscirà ufficialmente il 27 Gennaio 2015. “Back, Baby” è il primo singolo estratto.

63. Ghastly MenaceGhastly Menace è un sestetto da statunitense proveniente da Chicago. La formazione comprende Andy Schroeder, Chris Geick, Pat Lawlor, Kody Nixon, Michael Heringhaus, Clint Weber. Nel 2015 uscirà l’album di debutto: “Closing” è il brano di debutto che mette in evidenza i ritmi sostenuti, la cura dell’arrangiamento e il falsetto che “sostiene” la leggiadria e l’armonia globale del brano.

64. Sick Feeling. Don Devore, ex chitarrista degli Ink & Dagger (band hardcore di Philadelphia), è diventato il leader del progetto Sick Feeling. “Liberal Arts” è il primo singolo estratto dall’album di debutto Suburban Myth che uscirà il 20 Gennaio 2015. Il pezzo mette in evidenza la potenza abrasiva della loro musica.

65. BonoboBonobo (Simon Green) ritorna con nuovo lavoro che arriva a un anno dall’uscita di The North Borders. Si tratta di un ep di tre tracce intitolato Flashlight che uscirà ufficialmente il 2 Dicembre via Ninja Tune. Potrebbe essere l’indizio che rivela l’uscita di un nuovo lavoro nel 2015.

66. Mmoths. Vi abbiamo parlato spesso di MMOTHS, moniker del producer irlandese Jack Colleran. Dopo vari ep, è stato annunciato l’album di debutto che dovrebbe arrivare nel 2015. E’ disponibile una nuova anticipazione intitolata “Yago” che mette in evidenza la commistione fra linee ambientali, suggestioni vocali e movimento ritmico come “sottotesto”.

67. Pond. A un anno dall’uscita del secondo lavoro in studio Hobo Rocket, i Pond annunciano l’uscita del nuovo album. Si intitolerà Man It Feels Like Space Again e uscirà a fine gennaio del 2015. “Elvis’ Flaming Star” è il primo singolo estratto. Vi ricordiamo che Pond è il side project di alcuni membri dei Tame Impala (la formazione attualmente comprende Nick Allbrook, Jay Watson, Joseph Ryan, Jamie Terry e Cam Avery).

68. Archive. A un anno dall’uscita di Axiom, gli Archive hanno annunciato l’uscita di un nuovo lavoro intitolato Restrictions. La pubblicazione è prevista per il 12 Gennaio 2015. “Feel It” è la prima anticipazione. Il gruppo britannico sarà in Italia per tre date: l’11 marzo a Bologna (Estragon), il 12 marzo a Milano (Alcatraz) e il 13 marzo a Roma (Ciampino – Orion Live Club). Altre anticipazioni sono disponibili sul sito ufficiale della band.

69. Lily the KidLily The Kid è un duo islandese composto dalla cantante Lilja K. Jónsdóttir e il producer Snjókaldur K. Svarfdal. Mainland è l’ep di debutto. Da un primo ascolto emerge la natura elettropop del loro progetto caratterizzato da una stratificazione del suono che unisce armonie vocali, atmosfera e sottostrati ritmici non lineari. Ep molto convincente che speriamo di ritrovare in un primo full-lenght nel 2015.

70. ApplebyAppleby è un misterioso progetto di cui non abbiamo nessuna informazione. Vi avevamo presentato “Spit on Me“, prodotto da Kid HKNR; è disponibile un nuovo brano intitolato “Find” (produzione a cura di ILLYLAND) che, come il precedente pezzo, mette in evidenza l’approccio cantautorale in ottica future sound, incursioni hip-hop e un’atmosfera tendenzialmente malinconica.

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi