Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 19 febbraio 2015

Ezza Rose

Ezza Rose

When the Water’s Hot

Genere: Folk-Blues, Songwriting

Anno: 2015

Casa Discografica: Autoproduzione

Servizio di:

E’ passato circa un anno dall’uscita di  Poolside, terzo album della cantautrice di Portland Ezza Rose. Con quel lavoro aveva raggiunto il massimo dell’espressione minimale della sua musica. When the Water’s Hot è il nuovo lavoro che rivela un approccio abbastanza differente alla composizione.

Primariamente,il tutto è pensato per poter essere suonato in ottica di band (il banjo di Arthur Lee, il violoncello di Jessie Dettwiler, la batteria di Adam Mack, il contrabbasso di Lance Leonning) e quindi ne risulta un suono più pieno e più corposo che si dirige su un folk più spirituale con venature bluegrass e un senso armonico accentuato (il raccoglimento e il piglio “easy” di “Sailboat Land” e l’atmosfera sospesa di “Walking in Circles“). Resta inalterata la capacità di interpretazione vocale di Ezza Rose che si adatta senza forzature a questo nuovo percorso stilistico.

Amelie” è un brano che può essere preso da esempio per questa evoluzione: nella prima parte “radicato” nel passato e poi lentamente cresce d’intensità. “Tele” e soprattutto la scivolosa e ruvida “Tie Me Up” ci introducono subito alle atmosfere bluesy. La forza evocativa del disco si ritrova nella title-track, mentre “Under Your Teeth” si differenzia parzialmente dal resto delle composizione per la sua tensione strumentale di base (un approccio che ricorda alcune band della scena alternative degli ani ’90). Anche “Thursday” si proietta in questo sentiero con un impatto più emotivo, anche grazie all’inserimento del violoncello.

Un disco pensato e realizzato per essere suonato live e che trasmette questa sensazione con lo scorrere delle nove tracce sia per i momenti più raccolti che quelli più sciolti. La cantautrice statunitense, con lo spirito dell’autoproduzione (ed in parte è un vero peccato considerate le potenzialità dell’artista), riesce a dare spazio al suo approccio dinamico, confermando il suo talento anche in un contesto differente.

Voto: 7,2/10

Tracklist:

  • 1 · Tele
  • 2 · Tie Me Up
  • 3 · Under Your Teeth
  • 4 · Amelie
  • 5 · When the Water's Hot
  • 6 · Sailboat Land
  • 7 · Kissing and Shouting
  • 8 · Thursday
  • 9 · Walking in Circles

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi