Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 18 giugno 2013

Zomby

Zomby

With Love

Genere: Elettronica

Anno: 2013

Casa Discografica: 4AD

Servizio di:

Il caso ha voluto che ascoltassi questo album per la prima volta dopo aver visionato The Tree Of Life di Terrence Malick. Opere che non c’entrano nulla tra di loro ma che hanno alcuni punti in comune. Stiamo parlando del nuovo album di Zomby, misterioso producer britannico al terzo lavoro in studio.

Dopo Where Were U in ’92 (2008) e Dedication (2011), torna con la sua opera più ambiziosa intitolata With Love. Rappresentato da una copertina poco rassicurante, ovvero delle rose tra il violaceo e il bianco e nero, la sua nuova fatica è rappresentata da due nuovi dischi per un totale di 33 brani.

Un rischio notevole proporre un lavoro di una tale lunghezza. Ed è proprio questo il primo punto in comune con il film precedentemente citato: la durata del disco non pregiudica la qualità, per l’elevata dinamicità di cui è dotato il suo sound. Il producer britannico fa un lavoro enciclopedico, percorrendo varie forme stilistiche dell’elettronica. Un atto che a primo impatto potrebbe sembrare presunzione, ma che invece è la massima espressione dell’ecletticità e la libertà stilistica che appartiene alla sua musica.

Così come per il film, non è un disco di facile ascolto anche per le slegature che intervengono fra un brano e l’altro. Una ricercata frammentazione (la durata dei singoli breve è tuttavia breve) e in un certo senso astrazione che fanno emergere il suo enorme talento in tutti i campi in cui si cimenta: dalle atmosfere danzerecce di varia natura (dalla classe e la doppia natura di “If i Will al suono “bastardo” di “It’s Time” e “This One“ ) ai richiami jungle e drum ‘n’bass  (“Overdose“, “777“) sino anche ad una certa elettronica meccanica (“As Darkness Falls“, “Digital Smoke“); le sfumature oscure di una certa elettronica moderna sviluppate soprattutto nel secondo disco  (la tensione di “Rendezvous“, la rarefatta “VxV“, il minaccioso incedere di “Entroby Sketch” e “Love Quickening“), così come le distensioni dai richiami ambientali (“Glass Ocean” e la più oscura “With Love“) e tutto il richiamo alla cultura elettronica britannica (sia quella dei ritmi sfrenati che in riferimento a quella elegante e raffinata).

Tra le tracce che meritano una citazione particolare: la ruvida “Horrid“, caratterizzata da un loop che si suddivide in due strati, uno fluido e l’altro più destrutturante e martellante; poi ci sono le trivellazioni semi-spaziali di “Orion“, il tormento visionario di “Vast Emptiness” e la distensione dai retaggi dub di “Pray For Me” e “Soliloquy” e quella spettrale della splendida “Black Rose“. Uno dei pezzi migliori, che fa emergere tutta la sua classe compositiva.

Un vero atto d’amore verso l’elettronica supportato da una produzione ineccepibile, specchio di una tecnica raffinatissima ma soprattutto di personalità sovrastante su qualsiasi tipo di paletto schematico. Un’opera apparentemente folle tanto quanto geniale e che assume un rilievo storico notevole. Il livello si innalza ulteriormente e sarà difficile anche per lui superare se stesso. Ma With Love è la prova di un talento che è già nella storia, con la facoltà di scrivere nuovi capitoli.

Voto: 7,5/10

Tracklist:

  • 1 · As Darkness Falls
  • 2 · Ascension
  • 3 · Horrid
  • 4 · If I Will
  • 5 · Isis
  • 6 · It's Time
  • 7 · Memories
  • 8 · Orion
  • 9 · Overdose
  • 10 · Pray For Me
  • 11 · Rendezvous
  • 12 · The Things You Do
  • 13 · This One
  • 14 · Vanishment
  • 15 · VI-XI
  • 16 · VxV
  • 17 · 777

  • 18 · Black Rose
  • 19 · Digital Smoke
  • 20 · Entropy Sketch
  • 21 · Glass Ocean
  • 22 · How To Ascend
  • 23 · I Saw Golden Light
  • 24 · Pyrex Nights (ft. Last Japan)
  • 25 · Quickening
  • 26 · Reflection In Black Glass
  • 27 · Shiva
  • 28 · Soliloquy
  • 29 · Sphinx
  • 30 · Sunshine In November
  • 31 · Vast Emptiness
  • 32 · White Smoke
  • 33 · With Love

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi