Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 25 luglio 2013

Nima Marie - Woollen Cap_ copertina

Nima Marie

Woolen Cap

Genere: Folk-pop

Anno: 2013

Casa Discografica: OrangeHomeRecords

Servizio di:

Le strade del pop sono infinite e a quanto pare anche in Italia. Nel Paese dei fenomeni da baraccone (musicali e non), è possibile fortunatamente incrociare chi si approccia alla musica attraverso l’intreccio fra musicalità e qualità. E ci si chiede come mai, musica del genere non abbia esposizione maggiore nelle radio nazionali.

La stessa domanda mi sono posto ascoltando Nima Marie, cantautrice italiana ma la cui musica perde il colore della nazionalità a favore di un suono più globale e rivolto ad un approccio melodico di una certa eleganza. L’artista ha debuttato nel 2008 con l’ep Come Back e arriva al debutto, dopo una lunga gavetta, con Woolen Cap. L’album vede la collaborazione di Luca Falomi, Pietro Martinelli ed Enrico Di Bella. Tra gli ospiti, il cantautore Stefano Barotti (chitarra e banjo in “Down In My Veins”).

Come già detto, è la struttura melodica che prevale (“You Know I Do“, “Forgive Me“), merito soprattutto della grazia vocale di Nima Marie e degli arrangiamenti morbidi che respirano l’intimità che si cerca di trasmettere (basta ascoltare un brano come “Blowin’ Too High” per constatare il tutto). Ed è per questo che diventano importanti le piccole sfumature dall’inevitabile rimando a strutture folk (“Woolen Cap“, “Down in My Veins“)  a leggeri retaggi blues (“Country Road“)  sino a ritmiche semi-esotiche (“Morning Moon“).

Fra i brani più interessanti del disco c’è “A Brighter Dawning“, nel quale il minimalismo strumentale eleva l’interpretazione vocale. Merita una menzione speciale anche “Never So Bad“, il brano che meglio coglie l’anima globale del disco.

Difficile muovere una critica al disco, che scorre soave con piccoli movimenti e una consistente fluidità che rispecchia le due anima dell’artista: l’approccio easy-listening che fa da strato estetico e quello più intimo che fa da contenuto. Una combinazione decisamente convincente.

Voto: 6,5/10

Tracklist:

  • 1 · You Know I Do
  • 2 · Blowin' Too High
  • 3 · A Brighter Dawning
  • 4 · Forgive Me
  • 5 · Eyes Shut
  • 6 · Morning Moon
  • 7 · Country Road
  • 8 · Never So Bad
  • 9 · Woollen Cap
  • 10 · Down In My Veins

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi