Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 12 dicembre 2011

wu_lyf_go_tell_fire_to_the_mountain

WU LYF

Go Tell Fire To The Mountain

Genere: Alt-Pop, Pop-Rock, Heavy-Pop

Anno: 2011

Casa Discografica: LYF Recordings

Servizio di:

Vedi un album nuovo dal nome inusuale, un gruppo semisconosciuto (eccetto forse per la pubblicità di NME) che col tempo imparerai a chiamare “Woo Life” – e che in realtà non è altro che l’acronimo di “World Unite Lucifer Youth Foundation”, o così dicono – ed una copertina curiosa. Iniziano le prime note di organo e ti ritrovi tre quarti d’ora dopo senza ricordarti bene cosa sia successo nel frattempo.

‘LYF’, ‘Cave Song’, ‘Such a Puppy Dog’ e ‘Summer Bliss’ scorrono pacifiche, con melodie piuttosto dolci condite da una voce a volte rauca, altre volte più acida: inusuale. Lunghi spazi strumentali, chitarra e organo sullo sfondo, panorami di tramonti autunnali  che ritrovano sempre spunti di freschezza un po’ pop. Non a caso, i ragazzi di Manchester in questione affermano di fare Heavy pop: come dar loro torto, finchè non avremo capito a cosa si riferiscono.  Chiusure che ci ricordano gli XX aprono la strada ad una ‘We Bros’ molto carica, con un incedere deciso aperto da una intro in stile Rebellion(Lies) degli Arcade Fire. Sarebbe indubbiamente la candidata numero uno all’uscita come single, se non fosse che la lunghezza (6:27) ne limiti un po’ le pretese radiofoniche .La sostituta naturale sembra allora una ‘Spitting Blood’ urlata e graffiata, arricchita – un po’ come tutte le tracce dell’album – da arpeggi, pause, riprese ritmiche efficaci. We are so/happy happy to see/all of our children will run blind and free.

Dirt’, ‘Concrete Glod‘ e le loro melodie ci rimandano ad alcune atmosfere dei Foals di Antidotes, senza tuttavia cadere nel labirinto di ripetizioni tipico di Yannis Philippakis & Co., ma innovando e rinnovando via via ogni passaggio ed aggredendo con una voce tanto decisa quanto sgraziata ogni ritornello. La lunga conclusione di ‘Concrete Gold‘, accompagnata anche da note di piano, lascia la strada a ‘14 Crowns for me & your friends‘, la traccia decisamente più lenta dell’album, che dopo la metà rialza la testa per poi lasciarsi andare nuovamente nel piano conclusivo che introduce direttamente ‘Heavy Pop‘, già singolo di successo prima dell’uscita dell’album e traccia conclusiva. Ancora atmosfere sospese, arpeggi lenti, urla graffianti che sembrano aver sempre qualcosa per cui protestare ma che ti lasciano, infine, di buon umore. Like children lets play/I wanna feel at home/I want to feel at home. Una piacevole scoperta.

Voto: 7,4/10

Tracklist:

  • 1 · L Y F
  • 2 · Cave Song
  • 3 · Such A Sad Puppy Dog
  • 4 · Summass Bliss
  • 5 · We Bros
  • 6 · Spitting Blood
  • 7 · Dirt
  • 8 · Concrete Gold
  • 9 · 14 Crowns For Me & Your Friends
  • 10 · Heavy Pop

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi