Logotipo di Son of Marketing realizzato dal superbo grafico italiano Alessandro 'Aesse' Scarpellini
youtube Soundcloud Basecamp

Recensioni | Pubblicato il 30 maggio 2013

A Hawk and a hacksaw

A Hawk and a Hacksaw

You Have Already Gone to the Other World

Genere: Eastern European folk

Anno: 2013

Casa Discografica: LM Dupli-Cation

Servizio di:

La musica degli A Hawk and a Hacksaw (la violinista Heather Trost e il fisarmonicista e batterista Jeremy Barnes)  ha rappresentato sempre qualcosa che supera il concetto tradizionale di quest’arte. Le loro composizioni sono da sempre frutto di uno studio complesso delle tradizioni dell’Europa dell’Est sino ad identificarsi nelle stesse. E’ da questo che consegue l’efficacia della loro musica a livello di divulgazione e non da meno a livello di concretezza.

Con You Have Already Gone to the Other World tornano a due anni da Cervantine con il quinto album in studio. Questa volta il punto di partenza è il linguaggio cinematografico. Infatti il titolo del disco è una frase estrapolata dalla sceneggiatura del film Shadows Of Forgotten Ancestor del regista ucraino Sergei Parajanov. Il film racconta la storia d’amore di Ivan e Palagna, ma è molto di più di tutto questo. E’ un’ incursione nella cultura ucraina, in particolare di quella Hutsuls e senza tralasciare tutto l’aspetto delle credenze e quello simbolico che ha fatto finire il regista nella black-list del regime sovietico.

La particolarità del film sta anche nell’uso dei colori come indicazione dei mood e della loro evoluzione. Il gruppo di Albuquerque ha assorbito in pieno lo spirito del film e partendo dalla tradizione ucraina, rumena e ungherese hanno saputo con la loro solita sapienza compositiva dare vita a quegli umori: c’è la gioia (“Învârtîta din Blaj“),  l’intimità e la riflessione (“Nyisd ki Rózsám“) ,il mistero (le percussioni di “Witch’s Theme“),  la passione, l’azione (“Hora Pa Bataie” e la fuga di “Horses of Fire Rachenitsa“) e  la sofferenza (“The Snow in Kryvorivnya“). Sono così reali che si riescono a sentire sulla propria pelle.

L’apertura con “Open It, Rose” è teatrale e drammatica e ci introduce subito alle atmosfere del disco che esprime la sua esuberanza subito con la title-track “You Have Already Gone To The Other World“. Molto d’impatto è l’atmosfera di “Wedding Theme” che va a sottolineare la solennità del momento e del rito del matrimonio; il tutto poi si concretizza nel tono allegro di “Dance Melodies from Bihor County“.

E poi arriva uno degli episodi più brillanti del disco ovvero “Where No Horse Neighs and No Crow Flies“: il suo approccio essenziale e abrasivo ci porta il lato più oscuro della loro composizione. Sulla stessa linea è anche “Bury Me in the Clothes I was Married in… ” che fortifica l’aspetto spettrale della composizione. E non sono da meno i profondi minimalismi di “Marikam, Marikam“.  La vetta narrativa è raggiunta in “Ivan and Marichka / The Sorceror“, delicata e malinconica nella prima parte e rumorosa e martellante nella seconda parte.

Come due navigati studiosi gli A Hawk and a Hacksaw  hanno dato ancora una volta prova di come sappiano connettersi con le culture con cui si mettono a confronto: frutto di una sensibilità artistica infinita e un meticoloso lavoro di studio e ricerca. Inoltre hanno saputo ben interpretare il linguaggio cinematografico, dando una doppia dimensione alla propria musica e andando oltre il semplice concetto di sonorizzazione.

Voto: 7/10

Tracklist:

  • 1 · Open It, Rose
  • 2 · You Have Already Gone To The Other World
  • 3 · Witch's Theme
  • 4 · Wedding Theme
  • 5 · Dance Melodies from Bihor County
  • 6 · Hora Pa Bataie
  • 7 · Nyisd ki Rózsám
  • 8 · Where No Horse Neighs and No Crow Flies
  • 9 · Învârtîta din Blaj
  • 10 · Horses of Fire Rachenitsa
  • 11 · Bury Me in the Clothes I was Married in...
  • 12 · Marikam, Marikam
  • 13 · The Snow in Kryvorivnya
  • 14 · Oh, Lord, Saint George, Bewitch Ivan, Make Him Mine
  • 15 · Ivan and Marichka / The Sorceror
  • 16 · On the River Cheremosh

Articolo precedente:

Articolo seguente:

Developed by | MM and designed by Aesse

Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie. Maggiori Informazioni | Chiudi